Home Bar Caffetteria Ecco perché i...

Ecco perché in Giappone preparare il caffè per una gara è un’esperienza

cappuccino latte art
cappuccino latte art

MILANO – In Giappone anche preparare un caffè può essere un’arte. Soprattutto se a farlo sono i giapponesi, attenti ai più piccoli particolari e amanti dei rituali. E poco importa se il vero espresso per noi è un’altra cosa. A Tokyo i baristi si sfidano a colpi di caffè aromatizzati e strane creazioni.

Al gusto di litchi con gelsomino, o perché no, un espresso “Chardonnay” servito in un calice da vino, ce n’è per tutti i gusti, la pausa caffè può diventare un’autentica esperienza, in barba a chi pensa che in Giappone si ami solo il tè.

Negli ultimi tempi stanno nascendo tante caffetterie hipster pronte a soddisfare anche le richieste dei “caffeinomani” più intransigenti.

CARTE DOZIO
FRANKE

Miki Suzuki, incoronata come miglior barista sostiene che i giapponesi hanno un palato fino e possono apprezzare anche le più piccole differenze.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.