CIMBALI M2
mercoledì 19 Giugno 2024
  • CIMBALI M2

Il cioccolato abbassa la pressione sanguigna

Christian Heiss, professore di medicina cardiovascolare all'Università del Surrey: "Ma prima di prendere in considerazione l'introduzione del cacao nelle pratiche cliniche, dobbiamo testare se i risultati precedentemente riportati in ambienti di laboratorio si traducono in modo sicuro in contesti del mondo reale, con le persone che vivono la loro vita quotidiana”

Da leggere

  • Dalla Corte
  • TME Cialdy Evo
  • Water and more
Carte Dozio
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

Alcuni ricercatori sono giunti alla conclusione che i flavanoli del cacao riducono pressione sanguigna e rigidità arteriosa ma solo se quest’ultime non sono elevate. La scoperta porterebbe a un potenziale utilizzo del cacao nella pratica clinica per la cura dell’ipertensione. Riportiamo di seguito l’articolo di Barbara Fiorillo per il portale Agrigento Notizie.

L’influenza del cioccolato sulla pressione sanguigna

MILANO – Se medici e nutrizionisti suggeriscono di consumare un quadratino di cioccolato fondente al giorno è perché i flavanoli presenti nel cacao apportano numerosi benefici alla salute di corpo e mente.

Alcuni studi, in particolare, hanno scoperto che questa sostanza è capace di abbassare la pressione sanguigna e la rigidità arteriosa tanto quanto alcuni farmaci per l’ipertensione.

Tuttavia, non è mai stata testata l’efficacia né la sicurezza del consumo di flavanoli al di fuori degli ambienti di laboratorio.

Ora una nuova ricerca dell’Università di Surrey, e pubblicata sulla rivista Frontiers in Nutrition, ha dimostrato che il consumo di cacao come trattamento per l’ipertensione (pressione sanguigna alta) non comporta alcun rischio per la salute, poiché i suoi effetti si verificano solo con livelli di rigidità e pressione elevati.

La scoperta apre la strada a un potenziale utilizzo del cacao nella pratica clinica per la cura dell’ipertensione.

I flavanoli del cacao riducono pressione e rigidità arteriosa

In un primo studio, i ricercatori hanno prima indagato se l’uso dei flavanoli abbassasse la pressione sanguigna e la rigidità arteriosa in individui al di fuori di contesti clinici.

“L’ipertensione e la rigidità arteriosa aumentano il rischio di malattie cardiache e ictus, quindi è fondamentale studiare modi innovativi per trattare tali condizioni” ha dichiarato Christian Heiss, professore di medicina cardiovascolare all’Università del Surrey.

Heiss continua: “Ma prima di prendere in considerazione l’introduzione del cacao nelle pratiche cliniche, dobbiamo testare se i risultati precedentemente riportati in ambienti di laboratorio si traducono in modo sicuro in contesti del mondo reale, con le persone che vivono la loro vita quotidiana”.

Lo studio

I ricercatori hanno reclutato undici persone sane, e chiesto loro di consumare a giorni alterni 6 capsule di flavanoli di cacao (contenenti un totale di 862 mg di flavanoli di cacao) oppure sei capsule placebo contenenti zucchero di canna.

Ai partecipanti è stato fornito un monitor per controllare la pressione sanguigna e una clip per il dito per misurare la velocità dell’onda del polso (PWV) ovvero i livelli di rigidità arteriosa. Le misurazioni della pressione sanguigna e della PWV sono state effettuate prima del consumo delle capsule e ogni 30 minuti dopo l’ingestione per le prime tre ore, quindi ogni ora per le restanti nove ore.

Per leggere la notizia completa cliccare qui.

CIMBALI M2
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie