Home Cultura Uno degli ult...

Uno degli ultimi testi scritti da Luciano De Crescenzo è un inno al caffè

Ritratto di Luciano De Crescenzo pubblicato nella prefazione del libro Mondo Caffè. Crediti Fotografici: Mario Mele - "Published by arrangement with Delia Agenzia Letteraria"

MILANO – Napoli e tutta Italia hanno reso la scorsa settimana l’ultimo saluto all’indimenticabile Luciano de Crescenzo: tra gli ultimi testi del popolare scrittore napoletano, c’è un inno all’incantesimo del caffè contenuto nella prefazione del libro Mondo Caffè di Andrea Cuomo e Anna Muzio.

Quando mi hanno chiesto di scrivere la prefazione di questo libro, mi sono detto: “Perché no, a me il caffè piace molto!” esordisce De Crescenzo, con il consueto tono colloquiale e allegro, nella prefazione dell’opera. Si tratta di una piccola enciclopedia del caffè edita in coedizione Cairo e Comunica, presente nelle librerie di tutta Italia da maggio di quest’anno.

Scritto a marzo 2019, è un piccolo omaggio alla magica bevanda da lui molto amata. E, stando alle sue parole, da sempre associata alla sua città, Napoli.

Il rapporto tra Napoli e il caffè

ben descritto all’interno del libro anche da Andrea Cuomo, viene rimarcato dall’ingegner De Crescenzo nella prefazione parlando del “caffè sospeso”, che “In parole povere, era un caffè offerto all’umanità – detto questo però – il caffè non è una semplice bevanda, nossignore, è qualcosa di più!”.

E se vi state chiedendo il perché, il poliedrico divulgatore della cultura filosofica occidentale non si fa pregare. E lo racconta con le sue affascinanti parole: “Anziché scendere, seguendo il consueto percorso di qualsiasi bevanda, il caffè sale, piano piano, si sistema nel cervello e resta lì, solleticandolo di tanto in tanto come un piacevole ricordo…

…Il caffè però è anche uno strumento per condividere i pensieri, soprattutto quando viene fatto in casa, da soli o in compagnia, e ora vi spiego il perché. Prendiamo la caffettiera napoletana. Rispetto alle altre impiega più tempo per far scorrere il caffè, e noi di questo tempo dovremmo esserle grati, perché l’attesa è preziosa…

…è un vero e proprio incantesimo: ci consente di parlare, di conoscere il nostro interlocutore e, perché no, in alcuni casi, anche di innamorarci.

La conclusione della prefazione è un invito a prendersi del tempo per pensare

Di tanto in tanto, interrompete la lettura e preparatevi un buon caffè, rigorosamente con la caffettiera napoletana. Regalatevi del tempo, anche semplicemente per pensare: non c’è dono più prezioso che possiamo fare a noi stessi.

Prendersi del tempo quindi per far maturare il pensiero in quella calma, tutta meridionale, amichevole, odorosa di caffè e feconda di pensiero cui il lo scrittore, nei suoi numerosi programmi televisivi, ci aveva abituati. E in cui ci piace ricordarlo per sempre.