Home Bar Caffetteria Cappuccino Latte Art Emily Coumbis...

Emily Coumbis, Campionessa australiana Latte Art, impazza su Freeda

emily coumbis

MILANO – Per molto tempo, la decorazione del cappuccino, è stata considerata da molti degli operatori, quasi come una tecnica da porre in secondo piano. Divertente, esteticamente accattivante, ma di certo niente che potesse reggere il confronto con la preparazione in espresso. Alla quale, è noto, gli italiani sono particolarmente legati. Insomma, disegnare figure sulla crema del latte, ha sempre incuriosito più i consumatori piuttosto che i professionisti. Ma, negli ultimi anni, le cose sono cambiate. E, come spesso accade, è proprio il cliente ad avere l’ultima parola in fatti di tendenze. Trend che sono già confermate all’estero, come dimostra l’esempio della Campionessa australiana, Emily Coumbis.

La Latte Art ormai, è una vera e propria disciplina regolamentata. Attraverso la quale molti operatori trovano sfogo per la loro creatività, senza rinunciare alla bravura più tecnica. Non si tratta infatti di “pasticciare” il cappuccino, ma di studiare la simmetria e la perfezione nelle figure. Di questa capacità, mix eccezionale tra tecnica e arte, abbiamo parlato spesso attraverso le voci delle Campionesse italiane, Manuela Fensore e Chiara Bergonzi.

Emily Coumbis condivisa su Freeda

Il successo di questo modo di preparare il cappuccino, è stato confermato dalla condivisione da uno dei portali più letti dalla comunità del web, Freeda. Tramite il quale ha visto nuova luce la Campionessa Latte Art australiana, Emily Coumbis.

IMA
JULIUS MEINL

Molto popolare online, grazie al suo profilo instagram, arricchito di colori e immagini artistiche. E quindi rimbalzata sino a noi in Italia, attraverso la comunicazione di Freeda.

Dalla tazza, emerge l’arte

Perché proprio di arte si deve parlare, di fronte al movimento ipnotico della lattiera, gestita magistralmente da Emily Coumbis. Osservando tracciare sulla crema nuove figure, sempre più complesse nella loro semplicità, è impossibile considerare ancora la Latte Art come una banale decorazione.