mercoledì 18 Maggio 2022

Da Hong Kong: acrilammide in 47 caffè testati (ma la quantità è negli standard europei)

l test ha rivelato che tra i 47 campioni rilevati con acrilammide, il caffè istantaneo aveva il più alto contenuto di acrilammide per kg. Che andava da 160µg a 790µg, mentre il contenuto di acrilammide nei restanti 33 campioni era tra 53µg e 240µg. Anche se il contenuto di acrilammide in tutti i campioni era conforme ai livelli di riferimento stabiliti dall'Unione Europea (UE) (caffè tostato: 400µg/kg, caffè istantaneo: 850µg/kg), i risultati del test hanno mostrato che la discrepanza tra lo stesso tipo di prodotti di caffè poteva essere fino a quasi quattro volte

Da leggere

MILANO – Nel mondo sono tantissimi a bere il caffè: chi per avere una spinta in più per affrontare le fatiche quotidiane, chi per dedicarsi un momento di pausa prolungata. Una bevanda che crea momenti di socialità come di relax solitario: resta il fatto che il suo consumo è diffuso anche in quelle aree in cui tradizionalmente si è legati al tè. Bisogna fare proprio per questo maggiore attenzione a ciò che si ingerisce.

Naturalmente ricordiamo che questi dati vanno interpretati, perché è ovvio che si debba valutare il quantitativo di caffè assunto al giorno (centinaia o migliaia di tazzine addirittura a seconda se è espresso o filter coffee) per comprendere il punto critico da raggiungere per diventare nocivo.

Così come abbiamo evidenziato in altri articoli.  Ecco la comunicazione ufficiale: il Consumer Council di Hong Kong, ha testato 49 diversi tipi di caffè in commercio e ha riscontrato la presenza di acrilammide genotossica cancerogena nei 47 campioni con quantità che variano di quasi 14 volte, di cui i campioni di caffè istantaneo sono stati rilevati con un livello superiore.

Ma l’indagine non dice che le quantità riscontrate sono sempre nei limiti di legge, anche se a Hong Kong non ci sono norme. Forse perché i cinesi, grandi consumatori di fritti, di acrilammide ne assumono tantissimo

Il Consiglio ricorda ai consumatori che i chicchi di caffè immaturi contengono una grande quantità di asparagina libera che forma acrilammide quando viene tostata ad alte temperature. Anche se il contenuto di acrilammide nel caffè è relativamente più basso di altri alimenti fritti, come patatine fritte e patatine fritte, i consumatori dovrebbero prestare attenzione alla quantità e alla frequenza di consumo quando bevono il caffè per ridurre l’assunzione di acrilammide. Il Consiglio esorta anche i produttori a rivedere le loro materie prime e il processo di produzione per ridurre al minimo la formazione di acrilammide durante il processo di tostatura, al fine di migliorare la sicurezza alimentare.

Inoltre, i risultati dei test hanno mostrato che il contenuto di caffeina tra i campioni era molto diverso. Il contenuto medio di caffeina nei campioni di caffè istantaneo era superiore a quello dei campioni di caffè in grani, capsule di caffè e polvere di caffè, a causa del processo aggiuntivo di estrazione e concentrazione.

In base alla formula di preparazione indicata sui campioni, bevendo 1 tazza di caffè con il più alto contenuto di caffeina si potrebbero assumere circa 295 mg di caffeina, il che significa che il limite di assunzione giornaliera raccomandato per gli adulti (400 mg) sarà superato bevendo 2 tazze. I consumatori dovrebbero notare che l’assunzione prolungata di caffeina aumenterà la loro tolleranza alla caffeina, richiedendo di conseguenza un livello di caffeina più alto per ottenere gli stessi effetti fisiologici. Questo può anche portare alla dipendenza fisiologica dalla caffeina, causando eventualmente sintomi di astinenza come mal di testa, irritabilità e stanchezza una volta che il consumo di bevande con caffeina è stato interrotto.

Il Consiglio ha testato 10 campioni di caffè in grani, 9 capsule di caffè, 16 polvere di caffè e 14 campioni di caffè istantaneo, con un prezzo compreso tra 15 e 168 dollari per confezione. Tra i campioni, 4 erano etichettati come singoli tipi di chicchi di caffè. I test includevano la quantità di acrilammide, caffeina, pesticidi, micotossine, numero totale di batteri e metalli pesanti, ecc.

L’acrilammide, una sostanza genotossica cancerogena e neurotossica, è una sostanza inquinante prodotta da aminoacidi liberi e zuccheri riducenti negli alimenti ad alte temperature, tuttavia attualmente non esiste una regolamentazione per l’acrilammide negli alimenti a Hong Kong.

Il test ha rivelato che tra i 47 campioni rilevati con acrilammide, il caffè istantaneo aveva il più alto contenuto di acrilammide per kg

Che andava da 160µg a 790µg, mentre il contenuto di acrilammide nei restanti 33 campioni era tra 53µg e 240µg. Anche se il contenuto di acrilammide in tutti i campioni era conforme ai livelli di riferimento stabiliti dall’Unione Europea (UE) (caffè tostato: 400µg/kg, caffè istantaneo: 850µg/kg), i risultati del test hanno mostrato che la discrepanza tra lo stesso tipo di prodotti di caffè poteva essere fino a quasi quattro volte.

D’altra parte, l’acrilammide non è stata rilevata in 2 dei campioni testati (1 capsula di caffè e 1 caffè in polvere), riflettendo che è possibile per i produttori ridurre la possibile formazione di acrilammide durante le varie fasi di produzione dei prodotti di caffè, dalla selezione degli ingredienti grezzi, alla tostatura e alla lavorazione.

La caffeina è una sostanza chimica naturale presente nel caffè e nel tè, che può agire come stimolante naturale del cervello

Tuttavia, l’assunzione prolungata di caffeina può portare alla dipendenza e influenzare la durata e la qualità del sonno, così come la secrezione di melatonina. I risultati del test hanno mostrato che il contenuto di caffeina rilevato varia notevolmente tra i campioni, con il caffè istantaneo in polvere che ha il più alto contenuto di caffeina. Il contenuto di caffeina rilevabile per 100g variava da 2.188mg a 4.316mg per il caffè istantaneo, mentre quello per gli altri campioni (chicchi di caffè, capsule di caffè e polveri di caffè) era tra 1.117mg e 2.380mg per 100g di campioni.

L’assunzione giornaliera di caffeina raccomandata per gli adulti in generale non dovrebbe essere superiore a 400mg. Ricostituito secondo le istruzioni riportate sull’etichetta dei campioni, bere 1 tazza di campione di caffè comporta un’assunzione di caffeina di circa 295 mg, raggiungendo il 74% della dose giornaliera raccomandata per gli adulti.

Non solo acrilammide: sono stati rilevati pesticidi in 46 campioni di caffè, di cui 45 contenevano folpet

In pesticida comunemente presente in frutta e verdura, che potrebbe causare irritazione agli occhi e alla gola. 13 contenevano il 2-fenilfenolo, che, nonostante la sua tossicità acuta non sia elevata, potrebbe causare tumori alla vescica come dimostrato in esperimenti su animali. Altri 3 campioni contenevano piridaben, un pesticida che si trova comunemente nelle piante di noci, con una tossicità acuta da lieve a moderata. 1 campione conteneva bifenile, la cui assunzione prolungata può causare avvelenamento renale o sintomi nel sistema nervoso centrale.

Tra i campioni, i livelli di folpet in 38 campioni, di 2-fenilfenolo in 1 campione e di piridaben in 1 campione hanno superato il limite massimo di residui (MRL) stabilito dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) (Folpet: 0,10mg/kg, 2-fenilfenolo e piridaben: 0,05mg/kg); la quantità rilevata di folpet in 1 dei campioni ha addirittura superato il limite superiore di oltre 6 volte.

Nel test, in 15 campioni sono stati rilevati rispettivamente 2 o 3 tipi di residui di pesticidi. Sebbene non sia ancora scientificamente provato se l’uso combinato di pesticidi porti a “effetti cocktail” sinergici, così come il loro impatto sul corpo umano, si consiglia ai fornitori di ingredienti grezzi di adottare misure di controllo fisico dei parassiti per prevenire ed eliminare i parassiti, e di considerare l’uso della disinfestazione chimica solo come ultima risorsa per salvaguardare la sicurezza alimentare e proteggere l’ambiente.

I metalli pesanti sono stati rilevati in 12 campioni, compresi 7 campioni con piombo, 2 con stagno e 3 con entrambi

Anche se il contenuto di piombo o di stagno rilevato in tutti i campioni era inferiore al limite superiore secondo il Food Adulteration (Metallic Contamination) Regulations (piombo: 0.5mg/kg, stagno: 250mg/kg), i consumatori dovrebbero essere consapevoli che il consumo di una traccia di piombo può causare gravi problemi di salute, specialmente colpendo il sistema nervoso dei bambini sotto i 6 anni e il feto. L’assunzione eccessiva di stagno può causare reazioni gastrointestinali, tra cui nausea, crampi addominali, vomito e diarrea.

Durante lo stoccaggio e il trasporto, i raccolti sono facilmente contaminati dall’ocratossina A a causa della crescita dei funghi. I risultati dei test hanno mostrato che 4 campioni di caffè in polvere e 6 di caffè istantaneo sono risultati contenere ocratossina A, con livelli che vanno da 0,5 µg/kg a 1,5 µg/kg. Anche se l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) ha elencato l’ocratossina A come cancerogeno del gruppo 2B, cioè possibilmente cancerogeno per l’uomo, il rischio di effetti negativi sul corpo umano con un consumo moderato non è elevato.

I consumatori dovrebbero prestare attenzione a quanto segue quando acquistano e bevono il caffè:

Leggere attentamente la descrizione del prodotto sulla confezione, come la varietà di chicchi di caffè, il grado di tostatura, l’etichettatura, ecc; I prodotti di caffè dovrebbero essere conservati in un contenitore sigillato dopo l’apertura e collocati in un luogo fresco e asciutto. Dovrebbero anche essere consumati il prima possibile per ridurre la possibilità di essere contaminati da muffe e batteri;

L’assunzione giornaliera di caffeina raccomandata per gli adulti in generale non supera i 400 mg. Tuttavia, le donne incinte o che allattano, gli adolescenti in crescita e i bambini, ecc, dovrebbero prestare particolare attenzione alla loro assunzione giornaliera di caffeina, per evitare di influenzare la salute e lo sviluppo di neonati e bambini;

Oltre al caffè, alcune bevande e alimenti quotidiani, come tè, bevande energetiche, bibite e cioccolato, contengono una certa quantità di caffeina. I consumatori dovrebbero essere consapevoli dell’assunzione di caffeina da queste bevande e alimenti per evitare effetti negativi sulla salute.

Il comunicato in inglese originale, a questo link.

Ultime Notizie