Home Formazione A lezione con...

A lezione con Andrej Godina all’istituto alberghiero Carlo Porta di Milano

alberghiero carlo porta
L'evento formativo gestito da Andrej Godina con i ragazzi dell'Istituto alberghiero di Carlo Porta

MILANO – La diffusione della cultura del caffè deve partire dal basso, ovvero dalla formazione degli operatori e specialisti del domani. Gli istituti scolastici in questo devono esser in prima fila per insegnare agli studenti ad esser professionisti competenti e informati. Un esempio virtuoso di questo tipo è quello dell‘Istituto alberghiero Carlo Porta di Milano. Un luogo in cui è avvenuta una vera e propria lezione dettagliata sul mondo del chicco e le sue possibili declinazioni. Presente all’evento, il caffesperto Andrej Godina, il quale racconta per i lettori l’esperienza a contatto con i giovani.

La partnership tra l’associazione Umami Area e l’Istituto alberghiero Carlo Porta di Milano prosegue

Dopo la costituzione, nel 2017 dell’Accademia del Caffè Carlo Porta. L’istituto scolastico con all’attivo la presenza di 1.500 studenti, è un fiore all’occhiello per la formazione
nel Nord Italia.

La French Press sperimentata all’Istituto alberghiero Carlo Porta

Il 17 maggio Umami Area in collaborazione con l’istituto milanese ha organizzato un’unità didattica di apprendimento che ha per titolo “l’estrazione del caffè filtro e caffetteria creativa”.

Un progetto che coinvolge più materie insegnate agli studenti

Al quale sono stati invitati i genitori, alcuni ex studenti e professionisti del settore. I professori di italiano hanno approfondito il tema del caffè letterario con una presentazione a tema. L’evento è dedicato allo specialty coffee, ai metodi alternativi di estrazione del caffè e al caffè socialmente responsabile.

In questi anni Umami Area, grazie al cofinanziamento della commissione Europea, programma Erasmus+, ha organizzato con la NGO tedesca Starkmacher

Un programma di alta formazione professionale sul caffè con i campus educativi in Brasile, Indonesia, Germania, Milano e Trieste. Coinvolgendo ben 250 tra studenti e giovani appassionati.

Alcune ricette a base caffè

Il percorso di collaborazione continua con l’evento di maggio 2019 durante il quale Andrej Godina, presidente di Umami Area, terrà un intervento dal titolo “Pensare e realizzare nuovi modelli di business per la caffetteria specialty”.

Il mondo del caffè di alta qualità, denominato “specialty” nasce in Europa nel 2000

Con l’organizzazione della prima finale mondiale del World Barista Championship a Montecarlo. Negli anni avvenire la cultura del caffè di qualità si è diffusa velocemente in tutta Europa fino ad arrivare anche in Italia. Dove ha scatenato la nascita di una community di operatori che offrono al consumatore un caffè di eccezionale qualità.

Per affrontare un mondo sempre in evoluzione e che offre oggi format innovativi di business è importante per gli studenti che a breve si affacceranno al mondo del lavoro conoscere questa realtà e pensare, già da ora, quale sarà il loro posto in questo variegato
mondo.

La parola a Andrej Godina

“Fin dall’inizio della partnership con l’Istituto Carlo Porta di Milano l’associazione Umami Area si è sempre impegnata nel trasmettere agli studenti dell’istituto alberghiero il concetto del caffè di qualità. Oggi, ancora più che nel passato, la filiera italiana del
caffè necessita di baristi preparati; formati e capaci di rispondere attivamente alle nuove sfide lavorative che il mondo del caffè offre al consumatore.

Oggi il moderno barista ha bisogno di una formazione internazionale, completa. Rivolta anche verso la nuova nicchia di consumatori che si rivolgono al mondo della Specialty Coffee Association.”

Alla scoperta delle estrazioni alternative in filtro

Durante l’evento una sessione di preparazione di caffè con i metodi a filtro animeranno le decina di studenti con workshop pratici di estrazione con il caffè socialmente responsabile di Umami Area Honduras.

Il caffè socialmente responsabile di Umami Area Honduras

Il caffè specialty importato da Interkom di Napoli, in partnership con Umami Area

E’ il risultato di un progetto sociale che coinvolge 27 soci di tre nazionalità differenti e un responsabile di piantagione che si chiama Francisco Villeda Panchito. A dispetto dei prezzi bassi del mercato internazionale Umami Area e Interkom assicurano alla comunità locale.

Dove il caffè viene coltivato il pagamento di un giusto salario e una qualità che supera gli 80 punto necessari secondo il protocollo Sc per essere definito un caffè specialty.

Istituto Carlo Porta – via Uruguay 26, Milano

www.carloportamilano.gov.it
Per maggiori informazioni: info@umamiarea.com