venerdì 01 Marzo 2024
  • CIMBALI M2
  • Triestespresso

Ecco la Liberica excelsa: la pianta di caffè che resiste al cambiamento climatico

Si tratta di una pianta originaria dell'Africa centrale tropicale. È stato coltivata per un breve periodo alla fine del XIX secolo prima di esaurirsi. Poi, una volta arrivate le devastazioni del cambiamento climatico, i coltivatori hanno scelto di riutilizzare la Liberica ancora una volta

Da leggere

Dalla Corte
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

Gli agricoltori dell’Uganda, uno dei maggiori Paesi esportatori di caffè dell’Africa, stanno coltivando un’intera specie di chicco che resiste meglio al caldo, alla siccità e alle malattie sovradimensionate dal riscaldamento globale: si tratta della Liberica excelsa. Leggiamo di seguito la prima parte dell’articolo pubblicato sul portale Economic Times.

La liberia excelsa per combattere il cambiamento climatico

MILANO – I due tipi di caffè che la maggior parte di noi beve, Arabica e Robusta, sono a grave rischio nell’era del cambiamento climatico. Ma c’è una buona notizia: gli agricoltori dell’Uganda stanno coltivando un’intera specie di chicco che resiste meglio al caldo e alla siccità.

Triestespresso

Per anni l’hanno semplicemente mescolato in sacchetti di Robusta a basso prezzo. Quest’anno stanno cercando di venderlo al mondo con il suo vero nome: Liberica excelsa.

“Anche se fa troppo caldo, ora va bene”, ha affermato Golooba John, un coltivatore di caffè vicino alla città di Zirobwe, nell’Uganda centrale. Negli ultimi anni ha tolto suoi alberi Robusta, i quali hanno ceduto a parassiti e malattie, e al loro posto ha piantato alberi liberici. Ora lo beve anche lui. Dice che è più aromatico del Robusta ed è “più gustoso”.

Repa

Catherine Kiwuka, specialista del caffè presso l’Organizzazione nazionale per la ricerca agricola, ha definito la Liberica excelsa “una specie di caffè trascurata” e fa attualmente parte di un esperimento per presentarlo al mondo.

La Liberica excelsa è originaria dell’Africa centrale tropicale. È stato coltivata per un breve periodo alla fine del XIX secolo prima di esaurirsi. Poi, una volta arrivate le devastazioni del cambiamento climatico, i coltivatori hanno scelto di riutilizzare la Liberica ancora una volta.

Per leggere la notizia completa basta cliccare qui

CIMBALI M2
  • TME Cialdy Evo
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie

  • Water and more
  • IMF
Carte Dozio
Mumac