mercoledì 10 Aprile 2024
  • CIMBALI M2
  • Triestespresso

Tony’s Chocolonely: il cioccolato che rende l’industria più sostenibile

Aidaly Sosa, responsabile marketing USA: "Tony's Chocolonely è un marchio con una missione precisa. Nasce tutto da un'inchiesta del giornalista Teun van de Keuken sull'industria del cacao e continuiamo a essere guidati da quella stessa missione: combattiamo per eliminare il lavoro forzato e per garantire che i coltivatori guadagnino un salario dignitoso. Lavoriamo molto con cooperative in Ghana e Costa d'Avorio perché è da lì che proviene la maggior parte delle fave di cacao. Siamo qui per fare la differenza e dare l'esempio, per dimostrare che è possibile concepire un'industria più equa"

Da leggere

Water and more
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

La ragione per cui Tony’s Chocolonely è uno dei marchi preferiti dalla generazione Z è semplice: il brand è riuscito a distinguersi costruendo un forte posizionamento nel mercato, capace di rappresentare a pieno la sua missione di rendere l’industria del cacao più equa e sostenibile.

I consumatori più giovani sono sempre più attenti nell’acquisto di prodotti che hanno a cuore gli aspetti sostenibili e sociali: le aziende che lo capiscono vengono sempre più premiate come lo dimostra Tony’s Chocolonely. Leggiamo di seguito la prima parte dell’articolo di Agnese Giardini per Elle.

Triestespresso

La storia di Tony’s Chocolonely: il brand amato dalla generazione Z

AMSTERDAM – Forbes l’ha definito un brand quirky: un po’ strano, difficile da inquadrare e dalla personalità forte. Forse è per questo che non piace a tutti, mentre la generazione Z ne va assolutamente pazza.

La storia di Tony’s Chocolonely inizia nel 2005, con il programma televisivo olandese Keuringdienst van Waarde; all’epoca il giornalista e presentatore Teun van de Keuken (mentre indaga sui segreti dell’industria alimentare), scopre che il lavoro minorile illegale e il lavoro forzato sono una pratica comune nell’Africa occidentale, regione da cui proviene il 60% del cacao mondiale.

Quello stesso anno esce al cinema “Charlie e la Fabbrica di Cioccolato”, di cui Nestlé è il principale sponsor. Teun si fa avanti: propone all’azienda di produrre una barretta di cioccolato senza sfruttamento, ma la cosa non va in porto. È allora che Teun capisce che per cambiare l’industria deve essere il primo a dare il buon esempio.

Il 29 novembre 2005 nasce la prima tavoletta Tony’s Chocolonely: è al latte e “confezionata in un inquietante incarto rosso”, dice il sito di Tony’s. Vengono prodotte 5000 tavolette di cioccolato al latte Fairtrade, ma finiscono subito. Il prodotto è un successo.

Per leggere la notizia completa basta cliccare qui

CIMBALI M2
  • LF Repa
  • Dalla Corte

Ultime Notizie

  • TME Cialdy Evo
Carte Dozio
Mumac