Home Scienza Robusta selva...

Robusta selvatica: in Uganda c’è la varietà che potrebbe salvare il caffè dalla siccità

L'Uganda è sicuramente una delle zone più a rischio siccità e la presenza di Robusta rappresenta l'opportunità di trovare delle varietà selvatiche che possono esser analizzate in funzione della resistenza al clima e alle malattie

varietà robusta selvatica
A sinistra, frutto immaturo e maturo e foglia di C. Arabica, a destra foglia, frutto immaturo e maturo di C. Canephora.

MILANO – Riportiamo i risultati di uno studio al quale ha partecipato la Naro (Ugandan National Agricultural Research Organisation) in collaborazione con il Csa-Wur (Centre for Crop Systems Analysis of Wageningen University) e l’Ird (Institute de Recherche pour le Développement) che ha indagato l’esistenza di alcune varietà caffeicole resistenti alla siccità. Ci sono alcuni dati potenzialmente interessanti a tal proposito rispetto alla Robusta selvatica, identificata nella ricerca di Catherine Kiwuka in Uganda, condivisa sul sito technologytimes.pk, dall’articolo di Joshua Kato.

Robusta selvatica: una possibile risposta alla siccità

“Le specie selvatiche vicine ai raccolti sfidano continuamente le pressioni ambientali e sono delle risorse resilienti che possono essere usate per migliorare le capacità dei raccolti di sopravvivere ai cambiamenti climatici e per questo costituiscono un punto importante per la sostenibilità agricola.” ha affermato Kiwuka.

Il caffè in Uganda ha contato una produzione tra il 2019 e il 2020 di sette milioni di sacchi da 60 chilogrammi. Ma il Governo ha in programma di esportarne almeno 20milioni per il 2030.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.