Home Curiosità Paul Toscano ...

Paul Toscano ci racconta i sei oggetti per i coffee lovers

Paul Toscano

MILANO – Paul Toscano. Profondo conoscitore del mondo del caffé e amministratore delegato di Joyride Coffee. Ci illustra alcuni aspetti che i bevitori di caffè più frettolosi rischiano di perdersi.

Paul Toscano: consigli da un esperto di caffè

Paul Toscano: senza dubbio il suo parere in materia di caffè è affidabile.

Qui di seguito troverete i consigli di Toscano insieme ad alcune sue considerazioni. Perché ogni aspirante barista dovrebbe prendere in considerazione l’ampliamento della sua dotazione di attrezzature per preparare il caffè.

Proseguite nella lettura nel caso foste interessati a imparare a preparare il caffè come i veri esperti.

Il chemex: prima dritta di Paul Toscano

Penso che il miglior metodo di preparazione casalingo sia il filtraggio. A meno che non abbiate di frequente numerosi ospiti in visita a casa vostra. Altrimenti, si tratta davvero del sistema migliore. Più omogeneo e, in tutta onestà, anche più gratificante per preparare il caffè.

La mia attrezzatura preferita è la caffettiera Chemex. Basata su un metodo di estrazione del caffè di efficacia dimostrata. Invenzione che risale agli anni ’40 ad opera di un chimico tedesco.

Non solamente permette di preparare il caffè in modo estremamente funzionale. E’ anche molto bella. Non si tratta di una mia opinione personale… la Chemex fa parte della collezione permanente del MoMa di New York.

Un bollitore a collo d’oca

Questa è la base di qualsiasi metodo di preparazione del caffè per filtraggio.

Tale bollitore consente di versare l’acqua in modo preciso. Un spetto irrinunciabile quando si stanno seguendo alla lettera le istruzioni per fare un certo tipo di caffè. Un comune bollitore per il tè dotato di un beccuccio standard risulta eccessivamente largo. Impreciso ai fini di una preparazione meticolosa.

Un Aeropress con Paul Toscano

Oltre alla Chemex, avere a propria disposizione un metodo su scala ridotta per la preparazione del caffè come il V60 o Aeropress è ideale. Almeno se si desidera preparare solo una tazza alla volta.

Per ognuno di questi metodi di preparazione assicurati di disporre di una o due scatole di filtri. Affina progressivamente la tua tecnica!

Una bilancia

Procuratevi una bilancia precisa al grammo per la preparazione manuale del caffè. Magari dotata di un timer integrato (oppure aiutatevi con il cronometro del telefonino).

Un macinacaffè

I macinacaffè in genere sono sottovalutati dai profani del caffè. Molti caffè commerciali possono essere pre-macinati oppure macinati nel punto vendita. Se vi siete tanto sforzati per riuscire ad acquistare dell’ottimo caffè, sappiate che la pre-macinatura ne attenuerà in breve tempo l’aroma. Dal momento che l’esposizione all’aria lo fa diventare stantio più velocemente.

Per ottenere i migliori risultati la cosa migliore è macinare il caffè appena prima dell’uso. Il profumo del caffè appena macinato dovrebbe essere già di per sé una motivazione sufficiente per farlo.

Un libro di prestigio sul caffè

Infine, a chiunque desideri saperne di più sul caffè in generale, sulle pratiche di commercio diretto e sul cosiddetto movimento della terza onda consiglio “God in a Cup” di Michaele Weissman.

Non solo è una lettura divertente, ma i dettagli forniti sulla coltivazione del caffè e sul processo di torrefazione vi lasceranno senza fiato, già solamente sfogliando le prime 30 pagine. Così è stato per me, la prima volta che l’ho letto.