venerdì 21 Gennaio 2022

Passione a Firenze, con Slow Food latte art e granite al caffè

Giovedi 25 giugno, dalle ore 9.00, presso Bar Giglio Nero di Firenze (via Senese 155 r). Evento a cura di Caffè Corsini, con il campione di caffetteria Francesco Sanapo

Da leggere

FIRENZE – Una giornata dedicata al caffè di qualità, con il due volte campione italiano di caffetteria, Francesco Sanapo (FOTO), tra degustazioni di caffè (non solo espresso, ma anche “pour over”, per ottenere infusi di caffè), cappuccini con decorazione Latte Art, e l’assaggio di due caffè speciali, presidio Slow Food, il caffè selvatico Harenna, proveniente dall’Etiopia, e il Guatemala Huehuetenango: è l’iniziativa che si svolgerà giovedi 25 giugno presso il bar Giglio Nero di Firenze (via Senese 155 r).

L’evento, a cura di Caffè Corsini, si aprirà alle ore 9.00 con la Latte art Show, che insegnerà come fare cappuccini perfetti, decorati con cigni, cuori e tulip; seguirà alle ore 14.00 l’appuntamento con l’affogato al caffè, ottenuto con caffè di particolare pregio gustativo e monorigine, per terminare con la granita al caffè, servita con una ricetta originale pensata per l’occasione.

Per l’intera giornata, sarà possibile degustare i caffè Presidio Slow Food. Come il caffè selvatico di Harenna, il cui presidio coinvolge 60 famiglie, promuove l’accorciamento della filiera, la tutela della qualità e del territorio e garantisce dignità e un giusto riconoscimento alle persone coinvolte.

A un’altitudine di circa 1800 metri, in Etiopia, qui cresce spontaneamente il caffè arabica, all’ombra di alberi ad alto fusto. Ogni famiglia, da millenni, si reca nella foresta, raccoglie le ciliegie, le essicca al sole su lettini sospesi, le tosta, le pesta nel mortaio e offre il caffè agli ospiti seguendo una cerimonia atavica, un rito solenne, con un forte simbolismo di rispetto e ospitalità. I produttori raccolgono la frutta matura a mano, selezionando le ciliegie più rosse.

Il territorio di Huehuetenango, invece, nella parte nord‐ovest del Guatemala, al confine con il Messico, ha un’altitudine che va dagli 850 ai 3700 metri e offre una straordinaria varietà di ecosistemi, dal bosco umido subtropicale alle pinete.

Anche in questo caso, la raccolta di questo caffè è manuale e le ciliegie sono staccate una a una e riposte in ceste di vimini legate ai fianchi. I chicchi sono estratti dalle bacche artigianalmente, attraverso un delicato processo di fermentazione che inizia entro quattro ore dalla raccolta e dura 24 ore.

Dopo la spolpatura, i grani seccano al sole per almeno tre giorni, continuamente rivoltati con un rastrello. Fin dal 2002 la Fondazione Slow Food e i suoi partner operano nell’area di Huehuetenango per creare un sistema-caffè solido, giusto e autosufficiente, basato su un caffè d’origine e di altissima qualità.

L’utilizzo di ecotipi tradizionali, l’applicazione di un disciplinare di produzione attento agli aspetti qualitativi, sociali ed ambientali, la formazione dei caficoltori, il rafforzamento istituzionale delle loro associazioni, la valorizzazione dei differenti cru dell’area di Huehuetenango e la formazione di un consorzio di commercializzazione, garantiscono al caffè del Presidio importanti sbocchi sul mercato internazionale dei torrefattori di qualità.

Per ulteriori informazioni sull’evento www.caffecorsini.it . Infoline 055 2320768 info@ilgiglionero.it

Ultime Notizie