CIMBALI M2
mercoledì 12 Giugno 2024
CIMBALI M2

L’Ue potrebbe bandire le bustine di zucchero nella ristorazione e negli hotel, novità entro il 2027

Per quanto riguarda il riutilizzo, il testo attuale stabilisce che a partire dal 1° gennaio 2030, il 20% delle bevande vendute confezionate (in bottiglia o lattina) dovrà essere confezionato in imballaggi destinati al riutilizzo. Quindi, su ogni scaffale con 100 bottiglie, 20 di esse dovranno essere parte di un sistema di riutilizzo

Da leggere

  • Dalla Corte
  • TME Cialdy Evo
  • Water and more
Carte Dozio
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

La bustina di zucchero potrebbe scomparire dalla quotidianità entro il 31 dicembre 2027 nel caso in cui il nuovo regolamento europeo sugli imballaggi (Ppwr), uscito dalla Commissione ambiente del Parlamento Europeo il 24 ottobre scorso, entrasse in vigore. Inoltre, saranno proibiti gli imballaggi monouso in plastica per prodotti ortofrutticoli freschi che pesano meno di 1,5 kg, come reti, sacchetti, vassoi e contenitori. Leggiamo di seguito la prima parte dell’articolo di Giorgio Pirani pubblicato sul portale d’informazione Qui Finanza.

Il possibile addio alle bustine di zucchero

MILANO – La bustina di zucchero, la busta dell’insalata, la monoporzione di ketchup e persino il flaconcino di shampoo negli hotel potrebbero scomparire dal nostro quotidiano entro il 31 dicembre 2027. Inoltre, i consumatori di cibi e bevande da asporto dovranno abituarsi a portare con sé borracce e contenitori personali da lavare e riutilizzare.

Le stoviglie riutilizzabili diventeranno la norma per i consumi di cibi e bevande in hotel, ristoranti e servizi di catering.

Questi cambiamenti sono alcune delle conseguenze che i consumatori potrebbero affrontare se il nuovo regolamento europeo sugli imballaggi (Ppwr), uscito dalla Commissione Ambiente del Parlamento Europeo il 24 ottobre scorso, entrasse immediatamente in vigore.

Quali sono gli imballaggi banditi

Nel settore alberghiero, della ristorazione e del catering, l’uso di imballaggi monouso per condimenti, conserve, salse, panna da caffè e zucchero, compresi bustine, vaschette, vassoi e scatole, sarà vietato.

Inoltre, saranno proibiti gli imballaggi monouso in plastica per prodotti ortofrutticoli freschi che pesano meno di 1,5 kg, come reti, sacchetti, vassoi e contenitori.

Sarà messo fine all’uso di packaging monouso negli alberghi per cosmetici e prodotti per l’igiene che pesano meno di 50 ml per i prodotti liquidi e meno di 100 g per i prodotti non liquidi, come flaconi di shampoo, flaconi per lozioni per mani e corpo e piccoli sacchetti per saponette.

Inoltre, sarà vietato l’uso di imballaggi monouso per alimenti e bevande destinati al consumo nei locali del settore alberghiero, della ristorazione e del catering, tra cui vassoi, piatti e bicchieri usa e getta, sacchetti, lamine e scatole.

Potrebbe anche essere messo fine al formato famiglia, con il divieto di utilizzare imballaggi di plastica nel commercio al dettaglio per raggruppare prodotti venduti in lattine, vasi, vaschette e confezioni per l’acquisto di più di un prodotto o per incoraggiare i consumatori a farlo.

Per quanto riguarda il riutilizzo, il testo attuale stabilisce che a partire dal 1° gennaio 2030, il 20% delle bevande vendute confezionate (in bottiglia o lattina) dovrà essere confezionato in imballaggi destinati al riutilizzo. Quindi, su ogni scaffale con 100 bottiglie, 20 di esse dovranno essere parte di un sistema di riutilizzo.

Per leggere la notizia completa basta cliccare qui

CIMBALI M2
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie