CIMBALI M2
mercoledì 12 Giugno 2024
  • CIMBALI M2

I processi di riduzione ed estrazione innovano il caffè e il cioccolato: ecco come

Dopo la collaborazione con lo chef Ferran Adrià per creare Èspesso, il primo caffè solido da gustare al cucchiaio, e aver mandato nello spazio il Cappuccino Bite, spuma disidratata aromatizzata per gli astronauti della Stazione Spaziale Internazionale, anche Lavazza prosegue la sua ricerca verso l'essenza del caffè sulla linea del freddo ad estrazione con il cold brew

Da leggere

  • Dalla Corte
  • TME Cialdy Evo
  • Water and more
Carte Dozio
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

I due processi di riduzione ed estrazione sono sempre più diffusi in cucina per inseguire la ricerca del sapore assoluto e per battezzare tecniche all’avanguardia per il settore del food. Ne è un esempio l’idea di Yannick Alléno, chef sperimentatore e innovatore, che insieme al maître chocolatier Aurélien Rivoire ha applicato al cioccolato la tecnica di crioconcentrazione per l’esaltazione dei sapori.

Anche Lavazza ha dato il suo contributo  con la tecnica del cold brew, una lenta estrazione per percolazione, ma con acqua e ghiaccio, per mantenere gli aromi intatti. Leggiamo di seguito la prima parte dell’articolo di Barbara Sgarzi pubblicato su Il Sole 24 Ore.

La nuova frontiera del cioccolato e del caffè grazie ai processi dell’induzione e dell’estrazione

MILANO – Oggi, andare al cuore delle cose sembra essere in linea con lo spirito dei tempi: comprare meno e meglio, usare in modo ragionato la tecnologia e le piattaforme di comunicazione social dopo l’ubriacatura di condivisioni. E soprattutto saper scegliere, la selettività come criterio del piacere e libertà dell’esistenza: tutto conduce alla sostanza, alla qualità. E quale ambito migliore della sensorialità e del gusto può esprimerlo in modo istintivo, personalissimo eppure universale?

La tendenza è emersa da tempo nei sapori – pensiamo al successo degli spumanti pas dosé, senza aggiunta di zuccheri e liqueur, per esaltare i gusti varietali del grappolo e del territorio – ma l’ultima frontiera della ricerca riguarda il cibo comfort per eccellenza, il cioccolato.

Che cosa succede quando uno chef sperimentatore e innovatore come Yannick Alléno incontra il maître chocolatier Aurélien Rivoire? Che insieme, dalla meravigliosa, duttile materia prima per creare creme, ganache e bon bon, si arriva appunto all’essenza. “Ho applicato al cioccolato la tecnica di crioconcentrazione già sperimentata per le mie salse”, spiega lo chef.

“Perché se il fuoco distrugge, il ghiaccio conserva. Ed esalta i sapori. In questa ricerca del gusto assoluto che perseguo da anni, senza aggiunta di zuccheri o additivi, la riduzione di creme, paste e salse è fatta non sul fuoco, che deteriora vitamine, aromi e minerali, ma mediante congelamento, per ottenere un materiale puro, ricco di sapore e senza necessità di ulteriori aggiunte. Perché anche la tavoletta di cioccolato più amaro contiene zucchero. Il nostro invece no, e chi lo prova non torna più indietro. Oltre all’esplosione di sapore, è decisamente più salutare”.

Il risultato della sperimentazione è in vetrina nella boutique Alléno & Rivoire , tra la Tour Eiffel e gli Invalides.

Dalla percolazione agli ultrasuoni

Sono alleate del freddo anche alcune tecniche di riduzione e concentrazione di zuccheri e aromi nei grappoli, come la criomacerazione (sperimentata in Franciacorta da I Barisèi , è un’estrazione a freddo per ottenere profumi più distinti e delicati) e la vendemmia e pressatura di grappoli congelati, utilizzate per creare i profumatissimi ice wine.

La tecnologia continua a evolvere e arriva nelle case, dove tutti possono preparare succhi concentrati di frutta e verdura grazie a elettrodomestici sempre più efficienti (e belli da vedere, come l’estrattore Smeg decorato da Dolce&Gabbana nello stile di un solare carretto siciliano).

Ma anche nelle aziende: dopo la collaborazione con lo chef Ferran Adrià per creare Èspesso, il primo caffè solido da gustare al cucchiaio, e aver mandato nello spazio il Cappuccino Bite, spuma disidratata che fa esplodere in bocca l’aroma cappuccino, perfetta per gli astronauti della Stazione Spaziale Internazionale, Lavazza prosegue la sua ricerca verso l’essenza del caffè sulla linea del freddo.

Ad esempio, con la tecnica del cold brew, una lenta estrazione per percolazione, ma con acqua e ghiaccio, per mantenere gli aromi intatti. La nuova frontiera? L’estrazione a ultrasuoni. Già sperimentata per i vini e le botaniche da cocktail, si sta rivelando particolarmente efficace nella produzione dell’olio di oliva.

Per leggere la notizia completa basta cliccare qui

CIMBALI M2
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie