CIMBALI M2
giovedì 04 Luglio 2024
  • CIMBALI M2

Food Diversity: l’Italia ai primi posti in Europa per inclusività alimentare

• Per oltre 6 esercenti su 10 l'impegno per l'inclusività porta diversi benefici per l'azienda, come una maggiore fidelizzazione dei clienti (44,7%), una crescita delle performance di business (22,8%) e una migliore reputazione (18,5%). • In Italia il 65% dei commercianti adotta offerte a sostegno dei consumatori con un reddito basso, utilizzando sconti nel 40% dei casi, promozioni (32%) e offerte per gli studenti (9,7%). • La sostenibilità è la priorità per almeno l’80% dei commercianti italiani: il 48,9% sceglie fornitori locali, mentre il 44,3% utilizza misure anti-spreco e di riciclo sostenibile.

Da leggere

TME Cialdy Evo
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

MILANO – Adottare misure di inclusività economica e food diversity è fondamentale per la crescita di un’attività commerciale: maggiore accessibilità, infatti, significa raggiungere più ampie fasce di pubblico e nuove opportunità di vendita. Ne sono convinti 6 esercenti su 10, secondo i quali ampliare e diversificare la propria offerta per andare incontro alle esigenze dei clienti porta vantaggi in termini di business. Ma non solo: rendersi accessibili e inclusivi comporta anche maggiore fidelizzazione del pubblico (secondo il 44,7% degli esercenti), aumento dei guadagni (22,8%) e sviluppo di una migliore reputazione (secondo il 18,5%).

Questo quanto emerge dall’Osservatorio sulla Inclusivity in Business Activities che SumUp – azienda leader a livello globale nella tecnologia finanziaria che serve oltre 4 milioni di small merchant in 4 nazioni (Italia, Regno Unito, Francia e Germania) – ha condotto tra gli esercenti di cui è partner.

Scopo dell’indagine è analizzare il ruolo che i commercianti, in particolare quelli del comparto horeca, attribuiscono alla diversificazione della propria offerta e quali sono i principali strumenti messi in campo per favorire i consumatori.

Tre gli ambiti in cui l’Italia si dimostra particolarmente virtuosa: inclusività economica, sostenibilità e food diversity.

Umberto Zola, growth marketing lead di SumUp commenta così i risultati del sondaggio: “L’attenzione all’inclusione è un tema sempre più centrale per micro e small merchant, anche come conseguenza di un effettivo impatto positivo che può avere sul business. Ascoltare i bisogni dei clienti e rispondere con azioni concrete premia esercenti e ristoratori, in particolare con una maggior fidelizzazione. L’attenzione alla sostenibilità, alle diversità alimentari e alla riduzione del potere d’acquisto, diventa quindi un elemento di vantaggio competitivo per le attività commerciali, e allo stesso tempo un messaggio valoriale forte.”

Secondo i dati, infatti, la maggioranza dei commercianti italiani (65%) adotta politiche commerciali atte a sostenere i consumatori a basso reddito. Tra queste: sconti (40%), promozioni (32%), e offerte per gli studenti (9,7%).

Ma promuovere un modello di business inclusivo significa anche prestare attenzione alla sostenibilità, per esempio attraverso misure anti-spreco e volte a favorire il riciclo sostenibile dei materiali di scarto. Inoltre, rispetto ai colleghi britannici, tedeschi e francesi, l’Italia spicca per l’approccio inclusivo alla ristorazione, con l’HoReCa sempre più attento a intolleranze e regimi alimentari non convenzionali come vegetariani e vegani.

Politiche anti-inflazione a sostegno dei consumatori con redditi bassi

Inclusività significa anche rendere più accessibile il costo dei beni offerti al pubblico. Per questo, il 40% dei commercianti italiani dichiara di ricorrere al mezzo dello sconto per sostenere i consumatori nella quotidianità e il 32% di adottare promozioni. Da segnalare anche che il 9,7% dei commercianti appronta scontistiche a favore degli studenti, consumatori che, tipicamente, hanno a disposizione un budget più ristretto per le proprie spese.

La sostenibilità: priorità per l’80% dei commercianti italiani

Tra i merchant italiani emerge anche l’importanza di riservare un occhio di riguardo verso la sostenibilità: l’80% la considera una delle priorità nel proprio business. L’impegno green dei commercianti si declina in varie direzioni: il 48,9%, per esempio, sceglie fornitori locali per i propri prodotti, il 44,3%, invece, applica misure anti-spreco e di riciclo come il corretto smaltimento dei rifiuti e compostaggio delle materie organiche. Secondo il 25,2% è importante rifornirsi da produttori che condividono i loro stessi valori sostenibili, il 23,5% si approvvigiona da fonti d’energia rinnovabili e si impegna a efficientare il proprio consumo energetico.

Food diversity: l’Italia ai primi posti in Europa per inclusività alimentare

Si parla di food diversity quando la proposta alimentare rispecchia le esigenze di un gruppo variegato di consumatori con necessità atipiche rispetto alla dieta onnivora dominante: per esempio, diete influenzate da motivi religiosi, intolleranze, regimi alimentari vegetariani o vegani. Guardando in particolare ai ristoratori, in Italia il 61,2% propone alternative vegane e/o vegetariane, il 60% opzioni gluten-free, il 58,8% varianti prive di lattosio. Il 40% dei merchant horeca, inoltre, dichiara di offrire ai consumatori prodotti biologici.

La scheda sintetica di SumUp

SumUp è l’azienda leader a livello mondiale nel settore della tecnologia finanziaria, con l’obiettivo di democratizzare il settore dei pagamenti digitali per i piccoli commercianti. Fondata nel 2012, SumUp è il partner finanziario di oltre 4 milioni di esercenti in più di 35 mercati nel mondo, aiutandoli ad avviare, gestire e far crescere la loro attività.

Attraverso la sua Super App, SumUp offre ai commercianti un conto e una carta aziendale gratuiti, un negozio online e una soluzione di fatturazione, oltre a pagamenti di persona e a distanza perfettamente integrati con i terminali per carte e i registratori di cassa SumUp.

Con l’intento di valorizzare il proprio successo per rendere il mondo un posto migliore, SumUp si è impegnata a donare l’1% del proprio fatturato a sostegno di cause ambientali e supporta progetti educativi e imprenditoriali a livello globale. Nel 2022 la società è stata riconosciuta come Top Global Employer per la comunità LGBTQ+ dallo Stonewall Workplace Equality Index. Per maggiori informazioni basta cliccare qui.

CIMBALI M2

Ultime Notizie

  • Water and more
  • Carte Dozio