Home Caffè Torrefattori Caffè Moak pr...

Caffè Moak protagonista della tre giorni gourmet “Palermo chiama Tokyo”

Tre cene, tre chef e tre caffè per celebrare l'incontro tra la Sicilia e il Giappone. Ultimo atto questa sera, al Mida 2 di Mondello.

Caffè Moak

MODICA (Ragusa)Al via da mercoledì sera “Palermo chiama Tokyo”. La tre giorni che vede protagonisti, in tre cene, tre rinomati chef giapponesi e tre ristoranti gourmet palermitani. Un’iniziativa che vede tra vari marchi, quello del Caffè Moak.

L’idea – nata per celebrare l’incontro tra due tradizioni culinarie ricche di fascino come quella siciliana e quella nipponica, di cui Moak è partner, è promossa da Premiati Oleifici Barbera.

Caffè Moak a tavola con gli chef

Caffè Moak aiuta ad apparecchiare una tavola stellata. Un buon Espresso a chiudere un pasto fatto solo di cibo di qualità.

Appuntamento mercoledì con Patrizia Di Benedetto, chef stellato. Insieme agli chef Higuchi Takahiro, Fujimaki Kazuomi e Eijima Yoshikuni, ha fatto vivere la prima tappa di un viaggio emozionale alla scoperta della Sicilia occidentale. L’esplorazione passa attraverso il gusto dei suoi prodotti di eccellenza, tra cui il caffè.

Tre menu selezionati da Caffè Moak

Da abbinare ai tre menu, Moak ha selezionato tre speciality coffe della linea Monorigini: Pacamara, Old Kent e Supremo GS. Sono stati degustati durante le tre cene: mercoledì sera al Bye Bye Blues, ieri al Sesto Senso e questa serà al Mida 2 di Mondello.

Durante il loro tour in Sicilia, i delegati giapponesi incontreranno gli Chef siciliani dei ristoranti coinvolti nell’iniziativa, per misurarsi e confrontarsi con la realizzazione delle ricette cult della tradizione siciliana.

Per Caffè Moak un’occasione per tessere rapporti e scambi culturali

“Siamo sempre favorevoli ad accogliere iniziative come quella promossa dalla famiglia Barbera. – dice Annalisa Spadola, direttore marketing di Caffè Moak. – “Palermo chiama Tokyo” non è infatti solo un evento finalizzato alla promozione delle eccellenze del territorio; è anche un pretesto per tessere rapporti e scambi culturali tra popoli diversi. Un’mportante attrazione per favorire il turismo. Il caffè si dice sia la bevanda che unisce persone e culture diverse. Quale migliore occasione, in una città come Palermo nominata Capitale Italiana della Cultura 2018”.