Home Analisi di mercato Caffè arabica...

Caffè arabica sta sfidando il Coronavirus: +11% con prezzi ai massimi da inizio gennaio

prezzi borse del caffè
Il tabellone dell'Ice di New York

MILANO – Il caffè arabica sfida il Coronavirus mettendo a segno un potente rally a cavallo del mese: +11,2% tra giovedì scorso e martedì, quando il contratto principale della borsa newyorchese ha chiuso a 122,20 centesimi, ai massimi dalla prima decade di gennaio. Ieri, il benchmark è arretrato di 380 punti, a 118,40 centesimi, spinto al ribasso dalle prese di beneficio. Di gran lunga la migliore performance sul fronte delle commodity.

In netta controtendenza rispetto al clima negativo indotto dal Covid-19, che ha spinto l’indice Crb delle materie prime ai livelli di giugno 2017.

A Londra – ancora una volta – gli incrementi sono stati più contenuti: +3,7% tra venerdì e martedì, quando il contratto per scadenza maggio ha chiuso a 1.331 dollari, massimo da fine gennaio. Tutta in territorio negativo la seduta di ieri, che si è conclusa con il benchmark in flessione di 24 dollari a quota 1.307.

Coronavirus e scenari globali

Rientrano in campo i fondamentali di domanda e offerta. La prima appare destinata a risentire in forma attenuata degli eventuali scenari pandemici su scala globale. Il diffondersi del Coronavirus sta incidendo in molti paesi sulla frequentazione dei locali pubblici.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.