Home Ecco qui i se...

Ecco qui i sei luoghi da visitare se siete degli amanti del tè in giro per il mondo

Preparate i pc sui siti delle compagnie aeree che più vi piacciono e rispolverate le valigie. Profumato, aromatico, elegante. Ecco 6 destinazioni perfette per tutti gli amanti del tè, una bevanda antica, che si porta dietro storia e tradizione.

amanti del tè
Tra le mete per gli amanti del tè, Londra

MILANO – Essere amanti del tè non significa solamente starsene appisolati sul divano con una tazza fumante in mano: certo, la fase di contemplazione e rilassamento sono comprese nella cerimonia del tè, ma non è tutto. Per capire veramente questa bevanda, è necessario approfondirne gli aspetti culturali, legati più strettamente alle peculiarità che ne cambiano l’aspetto di Paese in Paese. A questo proposito, se avete intenzione di organizzare un viaggio per scoprire il tè in tutti i sensi, condividiamo dal blogmusement.com, sei destinazioni da provare assolutamente.

Amanti del tè, pronti a partire?

Sappiamo che i nostri lettori amano essere presi per la gola e cerchiamo di soddisfarli il più possibile. Sappiamo che, come noi, sono convinti che non ci sia modo migliore per viaggiare che attraverso i sapori e i profumi di un luogo – sia quando lo si fa prendendo un aereo che quando ci si accontenta di farlo attraverso il racconto di qualcun altro.

Vi abbiamo portato alla scoperta dei cibi più strani del mondo, dei negozi gourmet più eleganti, ma anche delle tradizioni culinarie più dolci per Carnevale; abbiamo anche avuto modo di riscaldare l’inverno insieme con delle ottime bevande alcoliche, calde e corroboranti, ma non abbiamo parlato del tè, il vero re delle bevande.

Come un abbraccio, aromatico, caldo ma leggero, il tè è adatto a ogni momento della giornata, a ogni stagione e a ogni tipo di cibo di accompagnamento.

Non solo: il tè è anche il protagonista di riti antichi e tradizioni importanti in diverse culture.

Scopriamo quindi sei destinazioni perfette per tutti gli amanti del tè.

1. Uji, Giappone

Cominciamo proprio dal Giappone, dove la tradizione del tè si estrinseca in un rituale molto preciso: l’invitato alla cerimonia deve prima ammirare e contemplare la bellezza tutto quello che lo circonda, a partire dalla chawan, la tazza di tè dentro la quale è servito il matcha. Questa cerimonia si basa sulla filosofia del buddismo zen che si fonda sul principio della ricerca della bellezza in tutte le cose, e sulla contemplazione. Per quanto riguarda la materia prima, Uji, vicino a Kyoto è uno dei più antichi produttori di tè matcha del Paese, il tè verde in polvere che sembra abbia incredibili proprietà benefiche, e che ormai ha conquistato anche gli appassionati bevitori di tè in occidente. Le piantagioni di tè matcha di Uji si possono visitare e, naturalmente, è anche possibile testare il prodotto in loco.

2. San Miguel, Isole Azzorre

Forse non tutti sanno che sull’isola di San Miguel nelle Azzorre c’è una piantagione di tè per veri intenditori. Può sembrare a prima vista una destinazione inaspettata per gli amanti del tè, ma le Piantagioni di tè Gorreana coltivano tè per veri intenditori. Sembra che le prime piante di tè siano arrivate sull’isola dal Brasile all’inizio dell’Ottocento e da allora i coltivatori si sono specializzati su un solo tipo di tè che varia aroma a seconda della lavorazione. Broken Leaf è un tè persistente, l’Orange Pekoe ha un aroma più rotondo e leggero. Mentre l’Hysson si ottiene utilizzando il vapore nella lavorazione. Le Piantagioni di Gorreana si possono visitare ed è possibile portare a casa un profumato souvenir.

3. Londra per gli amanti del tè

Anche il tè delle cinque inglese è, di fatto, un vero e proprio rituale. Tè nero con latte, e un tripudio di stuzzichini, sia dolci che salati, preferibilmente serviti in un ambiente dall’atmosfera antica ed elegante. A Londra sono tantissimi i posti in cui gustare un tè delle cinque davvero speciale, e ce n’è per tutte le tasche e tutti i gusti. Si tratta di un’esperienza e di una destinazione imperdibile per tutti gli amanti del tè.

4. Rize, Turchia

Un altro tè che vanta una tradizione a se stante è quello turco. Si tratta di un tè nero, forte, che viene preparato immergendolo in una doppia teiera e poi servito nel vetro, in un bicchiere dalla forma davvero particolare. Gli amanti del tè possono aggiungere Rize sulla lista dei posti da visitare poiché è uno dei maggiori produttori di tè del medio-oriente.

5. Nuwara Eliya, Sri Lanka

Lo Sri Lanka è stata una colonia inglese e questo fattore unito a un clima molto favorevole per la coltivazione del tè hanno fatto sì che diventasse importante sulla cartina dei produttori di tè. Nuwara Eliya viene addirittura chiamata “la piccola Inghilterra” e la tradizione dei raccoglitori tamil è molto interessante da scoprire. Il tè più esportato è il Ceylon, dal gusto rotondo e dal colore dorato.

6. Taiwan

View this post on Instagram

Kamu pasti sudah tidak asing dengan bubble tea? Yap minuman ini adalah minuman asal Taiwan yang terkenal di seluruh dunia. Bubble tea pertama kali diciptakan sekitar tahun 1980-an oleh pendiri kedai Chun Shui Tea House, Liu Han-Chieh. Ide membuat bubble tea ini muncul ketika ia mengunjungi Jepang dan melihat banyak minuman kopi yang diseduh dingin. Kemudian ia mencoba minuman teh yang disajikan dingin. . Lalu ketika ada rapat pengembangan bisnis kedainya, terdapat puding khas Taiwan yang terbuat dari tepung tapioka sebagai snack. Liu iseng untuk mencampur potongan puding itu ke dalam es teh dan meminumnya. Dan ternyata orang-orang yang ada di rapat tersebut menyukainya dan hal ini menjadi sejarah cikal bakal minuman bubble tea yang terkenal di dunia! #taiwanknowledge #bubbletea #bubbleteatime #taiwanbubbletea #bubbleteataiwan

A post shared by Taiwan Excellence (@taiwanexcellence_id) on

Abbiamo detto che il tè va bene in ogni stagione, e lo ribadiamo! Una delle destinazioni perfette per gli amanti del tè (freddo) è infatti Taiwan. Dove negli anni ‘80 è stato inventato il Bubble Tea. La leggenda narra che fu inventato da una lavoratrice stanca che, annoiata durante una riunione, rovesciò il suo dolce di tapioca nel tè per provare qualcosa di diverso e distrarsi un po’.

Il risultato di questo esperimento fu così piacevole che oggi esistono tantissime versioni di Bubble tea dagli aromi più disparati e abbinati ad altrettanti gusti di gelatinose perle di tapioca.