giovedì 18 Aprile 2024
  • CIMBALI M2
  • Triestespresso

Franco Bechis su Open: “Meloni attenta a non ripetere la riforma del caffè sospeso di Berlusconi”

Il direttore del giornale: "Il riferimento all'espresso per la rivoluzione fiscale era dovuta ad un’antica usanza napoletana per cui cittadini generosi e filantropi il mattino ordinavano al bar di fiducia un caffè per sé e ne lasciavano pagato un altro per avventori sconosciuti e in difficoltà economica. Gesto nobile, ma il caffè a cui alludevano gli elettori di Berlusconi aveva invece sapore amaro. Quelli si aspettavano di vedere cambiare la loro vita radicalmente dopo le promesse del Cavaliere, e invece si trovavano nel migliore dei casi ad intascare 20-30 euro al mese in più: nemmeno un caffè al giorno, e la delusione era davvero grande"

Da leggere

Water and more
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

Dalle prime simulazioni sulle novità che verranno introdotte, la rivoluzione fiscale sembra tradursi in un risparmio di poche centinaia di euro all’anno. Secondo Franco Bechis, direttore responsabile del portale d’informazione Open, la rivoluzione promessa da Giorgia Meloni assomiglierà a quella attuata da Silvio Berlusconi, periodo nel quale la frase più gettonata era “Il Cavaliere ci ha lasciato un caffè sospeso” volto a indicare un risparmio economico minimo, esattamente come il prezzo di un espresso. Leggiamo di seguito le riflessioni di Franco Bechis.

La nuova riforma fiscale

di Franco Bechis

ROMA – Ci sono non pochi punti della delega fiscale appena approvata dal governo di Giorgia Meloni che ricordano l’operazione che tentò Silvio Berlusconi alla guida del governo fra il 2001 e il 2006. Innanzitutto l’enfasi che allora come oggi accompagnò l’operazione della riduzione delle tasse e delle aliquote Irpef.

Triestespresso

Venti anni fa la riforma era partita dalla campagna elettorale del “Meno tasse per tutti” ed ebbe un percorso piuttosto accidentato anche per la temporanea sostituzione di Giulio Tremonti con Domenico Siniscalco al ministero dell’Economia, arrivando solo per gli anni 2005-2006 a una riduzione da cinque a quattro aliquote con la prospettiva di ridurle ulteriormente a 3 (23-35-39%).

Berlusconi però avrebbe perso di un soffio le elezioni del 2006 a vantaggio di Romano Prodi e a tre le aliquote Irpef non sarebbero mai scese. Anzi, dal 2007 sono state ripristinate le 5 aliquote originarie.

Ricordo che all’epoca di quella prima riduzione effettiva dirigevo Il Tempo. Ed ero sommerso da lettere e telefonate dei lettori che in molti casi erano stati elettori di Berlusconi delusi da quella riforma. La frase più gettonata era “Il Cavaliere ci ha lasciato un caffè sospeso”.

Il riferimento era ad un’antica usanza napoletana per cui cittadini generosi e filantropi il mattino ordinavano al bar di fiducia un caffè per sé e ne lasciavano pagato un altro per avventori sconosciuti e in difficoltà economica. Gesto nobile, ma il caffè a cui alludevano gli elettori di Berlusconi aveva invece sapore amaro. Quelli si aspettavano di vedere cambiare la loro vita radicalmente dopo le promesse del Cavaliere, e invece si trovavano nel migliore dei casi ad intascare 20-30 euro al mese in più: nemmeno un caffè al giorno, e la delusione era davvero grande.

Le prime simulazioni pubblicate sulla stampa della riforma Meloni fanno pensare a un bis di quegli anni, grazie alla riduzione a tre aliquote Irpef nel primo modulo della riforma (il solo che può diventare realtà in questa legislatura). Secondo quei calcoli il risparmio fiscale massimo sarebbe ottenuto da chi oggi ha un reddito lordo fra 28 mila e 35 mila euro annui. Il premio massimo annuale ottenuto dalla riduzione delle aliquote da 4 a 3 sarebbe di 260 euro annui.

Considerando una media di 13 mensilità per i principali contratti di lavoro si traducono solo per pochissimi fortunati in un caffè sospeso due giorni sì e uno no: 20 euro al mese. Nelle grandi città grazie al caro-caffè sarà gratis solo un giorno sì e uno no.

Facile capire che quel risultato farebbe a pugni con l’enfasi di una annunciata rivoluzione fiscale e il governo stesso poi pagherebbe le conseguenze politiche di questa inevitabile delusione e amarezza dei cittadini contribuenti. Teniamo presente che un provvedimento assai criticato dal centrodestra come quello di Matteo Renzi sugli 80 euro metteva in tasca ai cittadini quattro volte tanto questa ipotizzata riforma epocale.

Per leggere la notizia completa basta cliccare qui.

CIMBALI M2
  • LF Repa
  • Dalla Corte

Ultime Notizie

  • TME Cialdy Evo
Carte Dozio
Mumac