giovedì 22 Febbraio 2024
  • CIMBALI M2
[adning id="267609"]

Usa: crescono i consumi nelle caffetterie (+1,9%), arretrano quelli nei ristoranti (-3,1%)

Da leggere

Dalla Corte
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

MILANO – Gli americani possono rinunciare a tante cose, ma non al piacere di un buon caffè. Così il Wall Street Journal commentando un recente report di Rabobank su dati di Earnest Research. Dal report emerge che la spesa dei consumatori Usa nei ristoranti è diminuita, a giugno, del 3,1% rispetto allo stesso mese del 2021. Il tutto mentre quella nelle caffetterie e nei caffè pasticceria è invece aumentata dell’1,9%.

Un dato in controtendenza del quale analisti, economisti e semplici amanti della bevanda offrono varie interpretazioni.

La San Marco

I consumatori intervistati dal quotidiano economico newyorchese sostengono che il caffè è un piccolo piacere al quale si può indulgere anche in tempi di crisi. E che non pesa troppo sul portafoglio, se si spende con giudizio.

Conta poi la forza delle abitudini, la ritualità della pausa al bar o in una caffetteria. E l’importanza del caffè come terzo luogo di socializzazione, dove intrattenersi con familiari o amici.

Triestespresso

Ma al di là di queste motivazioni, abbastanza banali, c’è un ulteriore elemento che spiega questa forte resilienza dei consumi: il ritorno al lavoro in presenza in molte aziende e uffici.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.

CIMBALI M2
  • LF Repa
  • Quamar
  • TME Cialdy Evo

Ultime Notizie

  • Water and more
  • IMF
Carte Dozio
Mumac