martedì 30 Novembre 2021

Typica e il commercio diretto: “I produttori iscritti sono 1000 obiettivo a 5000 entro il 2025”

Attualmente, raccontano i creatori: "Il numero di account registrati per entrambi i torrefattori è attualmente superiore a 1500. Per i produttori, il numero è di circa 1.000."

Da leggere

MILANO – Di recente abbiamo raccontato la nascita del progetto Typica qui, presentato dagli stessi fondatori Masaschi Goto e e Ayane Mayada come piattaforma che promette di rivoluzionare le tradizionali dinamiche che muovono la filiera, lunga, frammentata, del caffè. Come? Mettendo in diretto contatto micro torrefattori con piccoli produttori, aggirando così i mediatori e dando un maggiore potere sul prezzo ai farmers. Abbiamo posto alcune domande per approfondire i meccanismi di questa novità nel settore, a chi l’ha creata, per comprendere meglio come funzioni.

È particolare che questa piattaforma sia stata creata in Giappone, dove la cultura del caffè non è così forte: come potreste spiegarlo?

“Il Giappone consuma circa il 6% del caffè mondiale (è il quarto più grande consumatore al mondo), mentre gli Stati Uniti ne consumano il 20% e l’Europa nel suo insieme rappresenta il 40%.
Quindi, in termini di ranking globale, si può affermare che la cultura del caffè in Giappone ha messo radici su scala globale. Inoltre, il Giappone è un Paese che vanta il maggior numero di stelle Michelin al mondo per la sua gastronomia, quindi il fabbisogno di caffè di alta qualità è relativamente elevato. In aggiunta a questo, osservando i dati diffusi dall’Organizzazione internazionale del caffè (Ico) insieme ad altre fonti, non vi è alcuna differenza significativa in termini di consumo pro capite di caffè tra Italia e Giappone.”

Uno dei tanti problemi per gli agricoltori nel paese produttore è l’arretratezza delle tecnologie: come potrebbero usare una piattaforma online quando non hanno nemmeno Internet, ad esempio?

“Secondo i dati emersi dal forum economico di Davos, più di 3,5 miliardi di persone ora possiede un dispositivo digitale. E quando visitiamo le zone di coltivazione del chicco, è ormai molto raro trovare coltivatori sprovvisti di dispositivi mobili connessi alla rete.”

In che modo questo rapporto diretto ha un impatto sul prezzo del caffè? Qual è il reddito reale per il agricoltori?

“Questa relazione commerciale diretta non sarà minimamente influenzata dai prezzi del mercato internazionale e consente una transazione a lungo termine. I risultati dello scorso anno mostrano che i produttori hanno venduto il loro prodotto a un prezzo superiore da 3 a 30 volte rispetto a quello fissato dal mercato.”

A cosa serve la “direct trade platform” che si trova su Typica?

“・I produttori possono fissare i propri prezzi e aumentare il proprio reddito attraverso il commercio diretto.
・Poiché il commercio diretto si basa su transazioni a lungo termine, la gestione aziendale sarà stabile.
・Il numero di piccoli produttori che abbandonano e spostano le colture sarà ridotto e la diversità di le origini saranno protette.
・I caffè unici saranno distribuiti più ampiamente.”

Qual è il numero degli account registrati, tra torrefattori e produttori?

“Il numero di account registrati per i torrefattori è attualmente superiore a 1500. Per i produttori, il numero è di circa 1.000.”

Come funziona esattamente Typica?

“Produttori e torrefattori possono registrarsi online sulla nostra piattaforma, quindi, possono iniziare a fare trading diretto di caffè verde scegliendo tra molte varietà di caffè in tutto il mondo. I produttori possono scegliere chicchi di caffè verde freschi online e venderli al prezzo più veloce e giusto; i torrefattori acquistano direttamente chicchi di caffè verde unici da un solo sacco di iuta. Supportiamo anche produttori e torrefattori per creare una
relazione faccia a faccia” per rafforzare la nostra community con l’obiettivo finale di trasformare l’industria in una in cui chiunque può operare all’interno di un “commercio diretto al 100%”.

Quali sono gli obiettivi di questa piattaforma per il futuro?

“Il nostro obiettivo è creare una rete di oltre 5.000 produttori e torrefattori in 70 Paesi entro il 2025. Noi vogliono diventare il più grande mercato di scambio diretto del mondo per caffè di alta qualità entro il 2030.”

L’Italia è un Paese più difficile da raggiungere con un progetto così rivoluzionario e specifico?

“Per i torrefattori che offrono caffè specialty, l’approvvigionamento stabile di materie prime di alta qualità è fondamentale e il commercio diretto è uno dei modi più efficaci per raggiungere questo obiettivo. Basandosi sulle dinamiche convenzionali del commercio attuale basato su containers, il numero di Paesi produttori in cui è possibile effettuare uno scambio diretto è limitato. Invece, con Typica, sarà possibile effettuare tutte le transazioni di caffè verde tramite commercio diretto e quindi crediamo che il nostro progetto diventerà necessario in tutti i Paesi in cui viene distribuito  specialty coffee.”

A questo link, potrete sperimentare il funzionamento della piattaforma.

Ultime Notizie