Home Analisi di mercato Torna La Niña...

Torna La Niña: ecco le possibili conseguenze sui raccolti in Asia e America

Brasile La Niña
Un'immagine che testimonia la siccità di qualche anno fa in Brasile

MILANO – Torna La Niña: anche il Centro nazionale Usa per le previsioni meteo dà per probabile all’85% il verificarsi del fenomeno entro la fine dell’anno. Quali le conseguenze per la produzione del caffè? I paesi dove l’impatto è solitamente maggiore sono Indonesia, Colombia e Perù, dove La Niña porta di norma maggiori precipitazioni. In Brasile, La Niña potrebbe invece causare tempo più secco. Una prospettiva preoccupante, dal momento che è già piovuto poco negli ultimi mesi.

La quantità di pioggia caduta nelle ultime settimane resta inferiore alle medie storiche e il deficit idrico rimane molto forte, ha osservato la settimana scorsa Guy Carvalho, durante il forum tecnico “Café e Clima”, organizzato da Cooxupé.

Ma varie fonti del commercio indicano che le precipitazioni sono comunque sufficienti per la fioritura principale. E i modelli meteo prevedono tempo umido e piovoso per le prossime due settimane.

Il Vietnam si ritrova ad affrontare il problema opposto. Il prolungarsi del normale periodo delle piogge, che potrebbe ritardare l’inizio del nuovo raccolto e ostacolare le operazioni di essiccatura del caffè.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.