Home Cultura Tenerife torn...

Tenerife torna a produrre chicchi di caffè: l’idea di tre imprenditori

Secondo uno studio condotto dal ricercatore ed ex sindaco di Agaete, José Antonio García Alamo, il caffè fu introdotto nelle Isole Canarie attraverso Tenerife, quando il 17 agosto 1788 il re Carlos III emanò un Ordine Reale che commissionò ad Alonso Nava Gritón, marchese di Villanueva del Prado, di trovare e scegliere “una o più piantagioni per piantare semi e piante provenienti dall’America e dall’Asia”

tenerife ramo piantagione caffè fao
A Tenerife si riprova a coltivare caffè

MILANO – Le origini del chicco hanno una storia lunga che coinvolge diversi luoghi del pianeta, dal Brasile al Vietnam. Dalla culla del caffè, l’Etiopia in avanti, la sua coltivazione ha coinvolto diversi terreni nel mondo. Forse non tutti i coffeelover sanno come sia arrivato questo prodotto sino all’isola spagnola Tenerife: un percorso che ha avuto alti e bassi, sino ad arrivare alla sua rinascita nel presente, che riportiamo dall’articolo dettagliato di Bina Bianchini su leggotenerife.com.

Tenerife tra caffè e banane

Tre imprenditori stanno cercando di recuperare una coltura introdotta nel XIX secolo il cui sviluppo è stato messo in secondo piano dalla coltivazione delle banane.

Demonizzato da alcuni, elogiato da altri, il caffè è come il vino, una bevanda che ha suscitato passioni fin dalle sue origini in tutto il mondo.

Il culto del caffè è presente da secoli in diverse società e culture ed è diventato un prodotto molto apprezzato che ha raggiunto specificità molto alte.

Sempre più i consumatori di caffè sono alla ricerca di coloro che si distinguono per la perfezione del chicco, il modo di coltivazione, il modo di tostatura e l’aroma, indicatori che denotano la qualità.

Secondo uno studio condotto dal ricercatore ed ex sindaco di Agaete, José Antonio García Alamo, il caffè fu introdotto nelle Isole Canarie attraverso Tenerife

Quando il 17 agosto 1788 il re Carlos III emanò un Ordine Reale che commissionò ad Alonso Nava Gritón, marchese di Villanueva del Prado, di trovare e scegliere “una o più piantagioni per piantare semi e piante provenienti dall’America e dall’Asia” nelle terre da lui ritenute più adatte.

A questo scopo è stato creato il Jardín de Aclimatación de la Orotava e nello stesso anno è arrivata a Tenerife la prima spedizione di semi e piante esotiche sulla nave Correo San Bernardo.

Ma è stato solo nel XIX secolo che è stato implementato come coltura dopo la crisi della cocciniglia.

A quel tempo si cercavano alternative che passassero attraverso il cosiddetto “modello cubano”, a base di caffè, zucchero e tabacco, consentito dal porto franco.

Tuttavia, alla fine dello stesso secolo, la coltivazione della banana ha cominciato a mettere radici nell’isola

Eclissando il possibile sviluppo del caffè, che è rimasto forte anche oggi in altre isole, come nel caso di Agaete a Gran Canaria, l’unico posto in Spagna e uno dei pochi in Europa dove si coltiva una qualità specifica di caffè, spiega Manuel Hernández González, professore di storia americana all’Università di La Laguna (Ull).

Tenendo conto della storia della coltivazione del caffè a Tenerife, dove c’era una piantagione per il consumo interno, e del buon clima dell’isola, tre imprenditori si sono lanciati nell’avventura e hanno deciso di scommettere nuovamente su questa coltivazione e di portare la tazza di caffè al tavolo delle famiglie.

Il luogo prescelto è un’azienda agricola a Los Silos, dove le temperature non superano i 12 gradi durante tutto l’anno, requisito fondamentale per ottenere sementi di qualità

La produzione sarebbe di circa 2.000 piante della varietà Arabica Typica, la prima introdotta nell’Arcipelago e l’idea è di iniziare la piantagione a settembre di quest’anno.

Studi sul terreno hanno già dimostrato che il luogo è adatto a questa coltura perché non c’è troppo vento o umidità.

In realtà, tutto era pronto per iniziare il 15 marzo, ma il progetto è stato fermato dallo stato di allarme.

E anche se può essere iniziato in qualsiasi momento, il primo raccolto richiede tra i due e i tre anni per dare i semi, che vengono poi raccolti ininterrottamente per quasi due decenni da marzo a settembre.

L’idea dei tre partner non è solo di produrlo, ma di completare l’intero ciclo, dalla semina alla tostatura e alla successiva lavorazione, sottolinea Angel Morales, uno dei tre audaci del progetto, insieme a Peter Graaf e Stan Steinhoff.

La fattoria avrebbe anche una componente di attrazione turistica per passeggiare, mostrare al pubblico l’intero processo di lavorazione della polpa, l’essiccazione e anche i visitatori potrebbero partecipare alla raccolta del seme e poi ad una degustazione.

Morales, che ha già esperienza nel settore, assicura che le Isole Canarie hanno delle somiglianze con le Hawaii, un arcipelago che sfrutta molto la coltivazione del caffè perché i suoi componenti organici provenienti dal suolo vulcanico gli conferiscono un sapore e un aroma speciale.

In questo senso, Los Silos potrebbe anche fornire un prodotto di alta qualità con un gusto unico e far competere Tenerife con il nord di Gran Canaria per aroma, gusto e colore.