mercoledì 17 Agosto 2022

Shanghai si autoproclama capitale mondiale del caffè, ma Milano e Roma la battono

Da leggere

MILANO – Shanghai diventa la capitale mondiale del caffè, con 7.857 caffetterie censite, stando a un report pubblicato dal colosso cinese del delivery Meituan. Più di New York, Tokyo e Londra – scrive la stampa cinese – che si dimentica però di Roma e Milano, dove – considerando bar, caffetterie e tipologie affini di pubblici esercizi, tutti dotati di macchina da caffè espresso – i numeri sono ben superiori.

Il dato va poi contestualizzato in un corretto ordine di grandezze, dal momento che la metropoli cinese conta oltre 26 milioni di abitanti.

Ma – al di là delle classifiche e delle graduatorie, che lasciano il tempo che trovano, visti i diversi criteri classificatori dei pubblici esercizi – la valenza culturale e sociologica – oltre che economica – di questa notizia è di portata storica.

Perché la Cina è un paese tradizionalmente legato al tè, dove i consumi di caffè, sino a pochi decenni or sono, erano irrilevanti.

“Non deve sorprendere che Shanghai sia la città con il maggior numero di coffee shop al mondo, poiché la sua inclusività e il suo dinamismo economico ne hanno fatto il massimo mercato del caffè in Cina” osservava qualche giorno fa un veterano dell’industria sulle colonne del Global Times.

“I locali di piccole e medie dimensioni hanno registrato un forte recupero, con la ripresa dell’economia e dei consumi seguiti alla fine dell’emergenza Covid. Gli ordini alle caffetterie sono cresciuti, nel solo mese di giugno, del 5.237%” scrive il quotidiano citando le cifre di Meituan.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.

Ultime Notizie