venerdì 12 Agosto 2022

Saquella 1856 nel coro per la candidatura Unesco dell’espresso

La rete di torrefattori che fa fronte unito per la candidatura del caffè espresso tradizionale italiano si infittisce: anche Saquella 1856 appoggia la procedura di riconoscimento di questo rito made in Italy

Da leggere

PESCARA – Dopo i fratelli Bazzara, Amigos Caffè e Goppion Caffè, adesso è il turno della storica torrefazione di Pescara Saquella 1856 di unirsi nella causa per proporre il vero espresso tradizionale italiano all’Unesco. Insieme a tante altre torrefazioni di tutta Italia, parte del Consorzio di tutela del caffè espresso italiano tradizionale, ha partecipato all’appello lanciato dai principali attori della filiera al ministro delle Politiche Agricole, Stefano Patuanelli, per sostenere la candidatura del rito del caffè espresso italiano.

“Quello del caffè espresso in Italia è molto più di un rito quotidiano – spiega Giorgio Caballini di Sassoferrato, presidente del Consorzio di tutela del caffè espresso italiano tradizionale.

lettera aperta espresso tradizionale pat Il Conte Giorgio Caballini di Sassoferrato, Presidente del Consorzio di tutela del caffè espresso italiano tradizionale
Il Conte Giorgio Caballini di Sassoferrato, Presidente del Consorzio di tutela del caffè espresso italiano tradizionale

Saquella 1856 non è da sola

Ormai sono tanti gli articoli di giornale su diverse testate che hanno dato spazio alla vicenda che va avanti ormai da anni, a colpi di incontri e sessioni a Roma. Nessuno molla però, perché quando c’è passione, tempo ed energie non mancano facilmente.

Ultime Notizie