martedì 17 Maggio 2022

Francesco Sanapo ci accompagna alla scoperta di quella che definisce “Una delle caffetterie più belle del mondo”

Racconta l'imprenditore: "Siamo riusciti a valorizzare ciò che ci ha lasciato in eredità la nostra cultura. La caffetteria si trova in uno dei quartieri più belli di Firenze: quando ci siamo imbattuti in questo vecchio monastero, nonché ex cappella delle suore, refettorio per recuperare le donne in difficoltà, ricovero per gli immigrati, centro di aggregazione, abbiamo capito che era questo il luogo giusto per noi."

Da leggere

FIRENZE – La magia dello specialty coffee con una spinta in più tutta italiana: questa è la promessa della freschissima apertura di Ditta Artigianale all’interno dello storico ex-monastero di Sant’Ambrogio, in via Carducci (2-4). Un progetto che porta la firma di Francesco Sanapo e che quindi è già garanzia di unicità, passione e aromi. In attesa di un’inaugurazione più in grande, in previsione per settembre dopo un primo giro di boa del locale aperto solo in questi giorni, abbiamo una succosa anteprima per chi sta pensando a delle vacanze in giro per lo Stivale, dove non può mancare la cultura e, ovviamente, del buon caffè.

Racconta il pioniere dello specialty, che ancora non ha smesso di credere nella sua missione culturale: “Dopo 4 anni siamo arrivati all’apertura di questa location unica che racchiude in sé la bellezza della storia italiana. Peccherò forse di arroganza nel dirlo, ma credo che abbiamo realizzato una delle più belle caffetterie al mondo. Voglio sottolineare che il merito non è solo mio: per ottenere questo risultato si è iniziato a lavorare nel lontano 1300. La nostra storia è ricca e va ripresa, rimodellata, riportata a nuova luce perché solo così riesce a continuare a vivere.

Siamo riusciti a valorizzare ciò che ci ha lasciato in eredità la nostra cultura. La caffetteria si trova in uno dei quartieri più belli di Firenze: quando ci siamo imbattuti in questo vecchio monastero, nonché ex cappella delle suore, refettorio per recuperare le donne in difficoltà, ricovero per gli immigrati, centro di aggregazione, abbiamo capito che era questo il luogo giusto per noi.

Dentro abbiamo deciso di includere anche una scuola, la prima in Europa accolta all’interno di una caffetteria aperta al pubblico: la formazione resta un punto importante per Ditta Aritigianale, perché possiamo insegnare a 360 gradi dal professionista al consumatore e perché così inviamo un messaggio preciso per i clienti.”

Conclude Sanapo: “Ora che abbiamo aperto ci attende un primo periodo per testare il locale e farlo ingranare, in attesa di un evento vero e proprio insieme a tutti i partner dietro a questo progetto, come Nuova Simonelli per la parte didattica, Victoria Arduino per le macchine, e Hario che ha creato il corner Hario Cafè. ”

Nel rinnovato complesso medievale, la cura dei dettagli che non trascura nessun momento della giornata: dalla colazione, al pranzo alla cena, al brunch, il nuovo punto Ditta Artigianale aperto tutti i giorni, con orario 7.30-0.00.

Sanapo ci accoglie e apre le porte

E noi ci possiamo immergere in questo pezzo di storia italiana riportata alla luce ancora una volta come luogo di ritrovo per chi ha bisogno di ristoro. Anzi, di un ristoro specialty.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da francesco Sanapo (@sanapofrancesco)

Ultime Notizie