Home Analisi di mercato Massimiliano ...

Massimiliano Pogliani, Ad illycaffè: “Come dimensioni ci avviciniamo ai grandi”

massimiliano pogliani Massimo Pogliani, Ad illycaffè S.p.A.
Massimo Pogliani, Ad illycaffè S.p.A.

TRIESTE – Al timone di illycaffè per altri tre anni, con ormai in vista il traguardo del mezzo miliardo di fatturato: Massimiliano Pogliani, 52 anni, è stato riconfermato alla guida della storica torrefazione triestina dall’Assemblea dei soci di martedì scorso. Una nomina che arriva a consuntivo di un esercizio durante il quale sono stati conseguiti risultati di rilievo.

Quali sono le nuove sfide che illycaffè andrà ad affrontare nel prossimo triennio? Pogliani le ha delineate in un’intervista concessa a Piercarlo Fiumanò del Piccolo, di cui vi proponiamo di seguito i passaggi salienti.

Pogliani, dopo tre anni di crescita qual è oggi il suo nuovo mandato?

Il nostro è un piano pluriennale. Lavorare in un’azienda familiare significa guardare verso un orizzonte molto ampio e continuare a investire sulla qualità del prodotto. I risultati di quest’ anno sono da record. Abbiamo raggiunto una dimensione tale che ci avvicina ai grandi. Vogliamo continuare a crescere, aumentando la nostra redditività e investendo nella forza produttiva.

MAGAZZINI DEL CAFFE’
HOST

Il mondo del caffè è al centro di nuove alleanze. Come si sta muovendo illycaffè?

Da tempo è in atto un consolidamento in un mercato che continua a crescere a un ritmo del 2% l’anno. Basti pensare che Nestlè distribuirà i prodotti a marchio Starbucks nel mondo. Come reagire? Con tassi di crescita importanti e con nuove alleanze. Oggi si può essere preda o predatore.

L’ alleanza con Jab, rivale di Nestlè, ci rafforza ed è vincente. Ma non perderemo mai l’ autonomia.

L’ ingresso nel mercato delle capsule compatibili con Nespresso, iniziato in questi giorni, può aprire importanti spazi di mercato?

Le nuove capsule in alluminio arrivano sugli scaffali proprio in queste settimane. Milioni di consumatori potranno bere il caffè Illy grazie allo standard Nespresso che ormai è diventato globale. Attraverso la sua piattaforma ci garantiamo una forza distributiva anche nei supermercati che altrimenti non avremmo potuto avere.

Jab si occuperà della produzione e distribuzione nel canale retail all’ estero mentre noi seguiremo gli altri canali di vendita e l’e-commerce.

Come sta andando sui mercati esteri?

Le vendite negli Usa sono cresciute dell’ 8,4% e per noi rappresentano ormai il secondo mercato domestico dopo l’ Italia. In Cina siamo storicamente presenti ormai da 17 anni con l’ apertura della prima filiale a Shanghai. Le vendite sono aumentate del 12,2%: si sta sviluppando una cultura del caffè molto sofisticata che si avvicina a quella del the.

I dazi di Trump?

Per ora non abbiamo avuto conseguenze. Non credo che il ritorno a forme di protezionismo medioevale siano un bene. Spero che alla fine prevalga la ragionevolezza.

Quali sono i nuovi mercati di espansione?

Illycaffè è presente in 144 Paesi. La nostra ambizione è di consolidare la presenza sui mercati dove già operiamo.

I consumi in Italia?

In Italia i canali più dinamici sono stati l’eldom (le macchine da caffè +20,2%) e l’ e-commerce (+78,9%). Abbiamo riorganizzato la struttura italiana molto bene per espanderci su tutti i canali di vendita. I consumi al bar seguono il trend mondiale. Il segmento delle capsule compatibili continua a crescere in doppia cifra, soprattutto quelle in alluminio che rispettano la sostenibilità ambientale.

La quotazione in Borsa resta nel limbo?

I risultati dimostrano che l’azienda non ha bisogno di quotarsi. Il posizionamento del nostro marchio in Italia e nel mondo è indiscusso. Siamo perfettamente in grado di garantirci l’autofinanziamento per crescere.

Come sta andando l’azienda quest’ anno?

Vogliamo crescere nel core business (caffè, ristoranti e bar) consolidando la presenza sui mercati chiave. Abbiamo riorganizzato la squadra con l’ingresso del nuovo direttore retail, Alessandra De Gaetano.

Puntiamo a sviluppare la rete di caffè shop monomarca che conta attualmente fra franchising e proprietà 259 punti vendita.

Piercarlo Fiumanò