martedì 21 Settembre 2021

Lindt vince una causa in Germania per la protezione del coniglietto dorato

L'azienda svizzera ha vinto una causa sul diritto d'autore alla Corte federale, anche se il procedimento ora torna a un tribunale minore per il pronunciamento d'appello

Da leggere

MILANO – La Lindt non ha mollato la presa: dopo aver ricevuto un no dal tribunale di Monaco di Baviera, che non aveva riconosciuto il packaging iconico del coniglietto dorato come marchio protetto, l’azienda è andata avanti per la sua strada…e ha vinto. Infatti ha segnato una prima vittoria con la causa per il diritto d’autore presentata alla corte federale tedesca. Che sia finalmente giunto il momento di avere l’esclusiva su questo prodotto? Leggiamo come si stanno evolvendo le cose da agrifoodtoday.it.

Lindt difende a spada tratta il coniglietto dorato

Il coniglietto pasquale di cioccolato, con l’incarto dorato, è solo quello della Lindt, gli altri sono imitazioni. L’azienda dolciaria svizzera ha vinto una causa in Germania nel tentativo di garantire la protezione del marchio per uno dei suoi prodotti più famosi e proteggerlo dalla concorrenza.

I coniglietti sono tra i cioccolatini più venduti nel Paese e l’impresa ha ripetutamente portato in tribunale i suoi rivali se mettevano qualcosa di simile sul mercato. Così, quando ha perso una causa contro il pasticcere tedesco Heilemann, Lindt ha portato il suo caso alla Corte federale, la più alta della nazione, chiedendole di pronunciarsi sulla vicenda. “L’obiettivo non era quello di costringere un altro produttore di coniglietti di cioccolato a uscire dal mercato, ma di difendersi dagli imitatori illegali che sfruttano la buona reputazione di un famoso prodotto che è stato costruito nel corso di molti anni”, ha detto un portavoce di Lindt dopo la vittoria.

La Corte ha affermato che l’azienda, che ha venduto 500 milioni di coniglietti negli ultimi 30 anni nella sola Germania, aveva presentato una ricerca di mercato che mostrava che il 70 per cento delle persone associava la figura al “Lindt Gold Bunny”. Ciò ha superato la soglia del 50 per cento richiesta per il riconoscimento del marchio, ha stabilito la sentenza. Un tribunale regionale di Monaco aveva precedentemente respinto le richieste di Lindt contro Confiserie Heilemann, di proprietà del gruppo Viba Sweets, che ha venduto un simile coniglietto d’oro nella stagione pasquale del 2018.

La sentenza, tuttavia, non significa la fine della battaglia legale

Al Tribunale federale è stato chiesto solo di pronunciarsi sul fatto se i coniglietti d’oro siano un marchio protetto, ma il pronunciamento non ha ribaltato la decisione del tribunale di primo grado sulla specifica controversia con Heilemann, e la causa ora andrà in appello. “In tribunale, è come essere in alto mare, si passa o si va a picco“, ha affermato Karl Heinz Einhäuser, presidente della società madre di Heilemann, Viba. Lo scorso anno una causa simile era stata intentata dalla Ritter Sport, che ha vinto il diritto esclusivo a vendere le barrette quadrate e non rettangolari.

Ultime Notizie