Home Analisi di mercato L’Ico rifà i ...

L’Ico rifà i conti e si accorge che l’annata caffeicola 2017 2018 è finita con un surplus

MILANO – L’Ico rifà i conti e scopre che il 2017/18 è terminato in surplus. L’aggiornamento contenuto nel report di settembre – diffuso nella giornata di ieri – porta correzioni rilevanti alle statistiche per l’annata appena conclusa, così come le annate immediatamente precedenti.

E modifica sostanzialmente il bilancio domanda/offerta degli ultimi anni. Importanti anche i dati sui prezzi, che archiviano un mese di ribassi, con l’indicatore composto ai minimi degli ultimi 12 anni.

Mai così in basso dal 2006

Le pressioni dei mercati hanno spinto la media mensile dell’indicatore composto sotto quota 100 centesimi: non accadeva dall’aprile 2007. Nello specifico, il calo del 4,1% registrato a settembre ha portato l’indicatore a 98,17 centesimi, il livello più basso da ottobre 2006.

CARTE DOZIO
FRANKE

L’indicatore giornaliero si è mantenuto per quasi tutto settembre sotto il dollaro (minimo il 18 settembre con 95,87 centesimi) risalendo sopra tale limite soltanto l’ultimo giorno del mese (100,83 il 28 settembre).

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.