venerdì 21 Gennaio 2022

La ricerca: dai fondi di caffè si può ricavare il grafene per produrre le super batterie del futuro

Da leggere

MILANO – Il caffè ci dà una carica ogni mattina al risveglio: un giorno potrebbe darla anche al nostro smartphone, alla nostra automobile o alla nostra e-bike. Ciò grazie al lavoro di un team di ricerca della facoltà di ingegneria metallurgica dell’Università dell’Indonesia, che ha trovato il modo di utilizzare i fondi di caffè nella fabbricazione di batterie agli ioni di litio. E più specificamente di accumulatori per le auto elettriche.

L’idea è stata esposta, per la prima volta, in un articolo pubblicato sul Journal of Cleaner Production ed è stata ulteriormente sviluppata nel corso di quest’anno.

I ricercatori indonesiano hanno messo a punto un procedimento per ricavare dai residui di caffè il grafene, un materiale sul quale si stanno concentrando numerose ricerche.

E che potrebbe diventare il componente fondamentale delle batterie del futuro.

Nello specifico, il grafene ottenuto dai fondi di caffè accresce la conduttività dell’ossido di litio titanato (lto).

I ricercatori hanno anche utilizzato scarti di gusci di noci di cocco trasformati in carboni attivi, come additivo del materiale attivo anodico.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.

Ultime Notizie