Home Notizie A Torino il b...

A Torino il bar del Tribunale riapre con un piano sociale che è vestito da Costa Group

Caffetteria del Tribunale di Torino
L'esterno del Tribunale di Torino

TORINO – Dopo una serie di vicissitudini La Caffetteria bar del Tribunale di Torino riapre i battenti e lo fa sotto i migliori auspici. La riapertura avviene infatti in virtù di accordo siglato tra Comune, Il Tribunale e la Casa Circondariale di Torino e un raggruppamento temporaneo di imprese composto da Liberamensa, Consorzio Abele Lavoro con la collaborazione di Pausa Caffè.

Accordo che dà così vita a un progetto di inclusione sociale rivolto al reinserimento in società di detenuti ed ex detenuti. E che grazie al quale il punto ristoro inizia una fase tutta nuova.

Obiettivo principale: conciliare la qualità del prodotto proposto con concreti percorsi di accompagnamento alla società di persone private della libertà personale.

FOODNESS
CARTE DOZIO

Sono proprio loro, affiancati da personale altamente qualificato, a gestire la caffetteria del palazzo di Giustizia di Torino.

L’offerta gastronomica è stata curata dall’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, il caffè arriva dalla Torrefazione del carcere di Torino. E la birra è prodotta artigianalmente dai detenuti di Saluzzo.

Costa Group, azienda Ligure leader internazionale nel settore food-shopfitting e partner strategico dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, ha voluto contribuire a vestire il locale. Importando oltre al banco, retro banco, mensolatura e tavoli in legno, graziose sedute in ferro realizzate da alcuni detenuti del penitenziario di Villa Andreino della Spezia, coinvolti anch’essi in un programma di integrazione sociale in collaborazione con Metallica srl.

Un nuovo concetto di distribuzione alimentare

La Caffetteria del Tribunale di Torino è un progetto che arriva poco dopo l’apertura di “Local” a Bra, in provincia di Cuneo; uno spazio che ha concretamente dato vita al sogno di Carlo Petrini nelle vesti di gastronomo, sociologo, fondatore dell’associazione Slow Food e presidente del CDA dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.

Local, arredato da Costa Group, rappresenta un progetto pilota. La sua mission: divulgare un nuovo concetto di distribuzione alimentare. Basata sulla selezione dei prodotti locali, la valorizzazione della filiera corta e quindi l’importanza dei piccoli produttori.

Un’idea, questa, che viene riproposta alla Caffetteria del Tribunale di Torino. Che da oggi diventa luogo vivo e attivo. E che, con lo stesso spirito di coinvolgimento al lavoro di detenuti ed ex detenuti, desidera sottolineare la cultura del cibo di qualità. Conferendo il giusto valore alle produzioni del territorio.