mercoledì 21 Febbraio 2024

India: calo della produzione del tè Darjeeling, gli acquirenti si rivolgono al Nepal

Secondo il Tea Board, nel 2022, il Nepal ha esportato circa 15 milioni di kg di tè ortodosso in India, rispetto ai 10 milioni di kg dell’anno precedente. Il tè ortodosso si riferisce alla foglia di tè sfusa prodotta utilizzando metodi tradizionali o ortodossi, tra cui spiumatura, arrotolamento ed essiccazione. A Darjeeling, le piantagioni di tè hanno fabbriche per la lavorazione delle foglie di tè. In Nepal si tende a vendere le foglie di tè alle fabbriche. Le piantagioni di tè indiane, a differenza di quelle del Nepal, sono anche tenute a fornire benefici come fondi di previdenza, mance e strutture mediche, tra gli altri, facendo aumentare i costi

Da leggere

La produzione di tè in India è stata recentemente colpita da un calo della produzione e della domanda mentre gli acquirenti si rivolgono ad alternative più economiche provenienti dal vicino Nepal. I produttori di tè Darjeeling accusano il Nepal e il suo accordo di libero scambio con l’India di essere uno dei motivi principali per comprimere la loro quota di mercato. L’opinione degli esperti sul motivo dietro il calo della produzione tuttavia si divide. Leggiamo di seguito la prima parte dell’articolo pubblicato sul portale Oltre la Linea.

Il calo della produzione del tè in India

CALCUTTA, India – I famosi giardini del tè Darjeeling, nello stato indiano del Bengala Occidentale, creano immediatamente immagini pittoresche di nuvole che fluttuano su dolci colline ricoperte di cespugli di tè dove le donne, avvolte in parei colorati, raccolgono foglie di tè che raccolgono in cesti intrecciati legati alla schiena.

Ma c’è un’altra realtà dietro quelle immagini da cartolina: un calo della produzione e della domanda mentre gli acquirenti si rivolgono ad alternative più economiche provenienti dal vicino Nepal, mettendo in pericolo il futuro di un’area, e dei suoi lavoratori, un tempo nota per la produzione dello “champagne dei tè”.

“Il futuro del tè Darjeeling è cupo e la fine sembra vicina se la situazione rimane la stessa”, ha avvertito Subhasish Roy, direttore della Arya Tea Estate a Darjeeling. “Diverse migliaia di persone perderanno i loro mezzi di sussistenza e questo patrimonio andrà perduto per sempre”.

L’iconica industria del tè Darjeeling fu avviata dagli ex governanti britannici che ripiantarono cespugli sulle colline indiane dalla Cina a metà del 19° secolo. Oggi, secondo il Tea Board of India, l’organismo apicale dell’industria del tè.

Gli esperti del tè attribuiscono diverse ragioni al calo della produzione, incluso un calo di quasi il 40% da quando i giardini sono stati convertiti al biologico per soddisfare la domanda degli acquirenti, ha affermato Sanjay Choudhry, il proprietario della piantagione di tè di Ringtong.

“Stiamo anche affrontando una grave carenza di manodopera poiché le giovani generazioni non sono pronte per entrare nel settore e la migrazione è dilagante. Il cambiamento climatico è un’altra ragione del calo della produzione”, ha aggiunto.

Calo delle esportazioni

Il tè di alta qualità si rivolge principalmente ai mercati internazionali di Russia, Giappone, Iran, Stati Uniti e paesi europei. Ma negli ultimi cinque anni si è verificato un calo delle esportazioni verso queste nazioni.

Nel 2022, Darjeeling ha esportato 3,02 milioni di kg di tè, ovvero il 45,48% di tutta la produzione, in calo rispetto a 3,71 milioni di kg o 48,24% della produzione nel 2018, secondo il Tea Board.

Anche l’esportazione complessiva di tè indiano è scesa a 226,98 milioni di kg nel 2022 da 251,91 milioni di kg nel 2017.

I produttori di tè Darjeeling accusano il vicino Nepal e il suo accordo di libero scambio con l’India di essere uno dei motivi principali per comprimere la loro quota di mercato.

Secondo il Tea Board, nel 2022, il Nepal ha esportato circa 15 milioni di kg di tè ortodosso in India, rispetto ai 10 milioni di kg dell’anno precedente. Il tè ortodosso si riferisce alla foglia di tè sfusa prodotta utilizzando metodi tradizionali o ortodossi, tra cui spiumatura, arrotolamento ed essiccazione.

A Darjeeling, le piantagioni di tè hanno fabbriche per la lavorazione delle foglie di tè. In Nepal si tende a vendere le foglie di tè alle fabbriche.

Le piantagioni di tè indiane, a differenza di quelle del Nepal, sono anche tenute a fornire benefici come fondi di previdenza, mance e strutture mediche, tra gli altri, facendo aumentare i costi.

Per leggere la notizia completa basta cliccare qui

Ultime Notizie