Home Analisi di mercato Illy prima ma...

Illy prima marca estera in Usa. Starbucks in Italia? “Scambio di cortesie”

Taglio del nastro per il secondo monomarca milanese in via Montenapoleone. Prossimo all’approvazione il bilancio 2016 del gruppo triestino. L’esercizio si chiude con un fatturato consolidato in crescita del 5,3% rispetto al 2015, ebitda a +7% e una posizione finanziaria netta di 115 milioni.

CONDIVIDI
andrea illy

MILANO – «I l 2016 è stato un anno crescita, di buona redditività e di equilibrio finanziario, malgrado i cospicui investimenti fatti per sviluppare nuovi business in Italia e all’ estero».

Così, su Repubblica, Andrea Illy, sbarcato a Milano per tagliare il “nastro” del secondo negozio monomarca, in via Montenapoleone.

E’ in arrivo da San Francisco dove ha inaugurato altri 2 monomarca, portando così a 8 i punti vendita nella città californiana, che si sommano ai 22 già presenti in tutti gli States.

Dalla Corte
Water + more

Sono giorni intensi, per il numero uno di Illycaffè, che si accinge ad approvare il bilancio 2016 con un fatturato consolidato di 460 milioni, in crescita del 5,3% rispetto al 2015, quando il bilancio era stato chiuso con 437 milioni di ricavi, ebitda a +7% e una posizione finanziaria netta di 115 milioni (e 1,73 di rapporto debito/ebitda).

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.