Home Notizie Il giallo di ...

Il giallo di Siddhartha finisce tragicamente: muore suicida il magnate del caffè indiano

Siddhartha
V. G. Siddhartha, fondatore e azionista di maggioranza della catena di caffetterie Café Coffee Day

MILANO – Il giallo ha avuto il suo epilogo più tragico, quello che tutti temevano: il corpo di VG Siddhartha – il re indiano del caffè, fondatore di Café Coffee Day, la più importante catena di caffetterie del paese – è stato recuperato ieri mattina all’alba, vicino a un fiume nei pressi della città di Mangalore, nel sud del paese. Ad avvistare il corpo senza vita sospinto dalla corrente, un pescatore, che ha dato immediatamente l’allarme alle autorità.

Ponendo così fine a una disperata ricerca, che aveva coinvolto centinaia di uomini, tra agenti di polizia, sommozzatori e volontari.

Siddhartha era scomparso misteriosamente lunedì sera e da subito si era pensato il peggio. A lanciare l’allarme era stato il suo autista personale, dal quale si era congedato, scendendo dalla macchina, dicendo di voler fare una passeggiata.

MAGAZZINI DEL CAFFE’
HOST

Dopo un’ora e mezza, l’autista aveva provato a chiamare Siddhartha al cellulare, ma il numero risultava non raggiungibile. Preoccupato aveva quindi allertato le forze dell’ordine, che si sono mobilitate per quasi due giorni alla ricerca del magnate scomparso.

Quali i motivi del gesto estremo?

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.