Home Analisi di mercato Il gelo in Br...

Il gelo in Brasile non infiamma i mercati del caffè, New York e Londra tornano a scendere

effetto gelate Il punto sui mercati del caffè
Il punto sui mercati del caffè

MILANO – Il gelo in Brasile non infiamma le borse del caffè. Raggiunto il massimo annuale di 113,65 centesimi mercoledì 3 luglio e un ulteriore picco intraday di 115,65 centesimi, venerdì 5 luglio, il contratto principale dell’Ice Arabica ha subito un forte ribasso (-470 punti) nella seduta di lunedì.

E dopo la parziale ripresa di martedì, indotta dalle ricoperture speculative, il benchmark è tornato a scendere nella giornata di ieri, mercoledì 10 luglio, chiudendo al minimo mensile di 105,90, in calo di 155 punti.

Più modesta la flessione di Londra, che è arretrata, sempre ieri, di 6 dollari chiudendo a quota 1.430.

CARTE DOZIO
FRANKE

La situazione nella cintura brasiliana del caffè rimane vaga e per avere una prima idea sull’impatto dell’ondata di freddo e gelo dello scorso fine settimana servirà ancora qualche giorno.

I danni potrebbero riguardare tanto il raccolto in corso, completato per poco più della metà, quanto il prossimo.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.