Home Analisi di mercato Coronavirus: ...

Coronavirus: il Financial Times spiega perché sta incidendo al ribasso pure sui prezzi del caffè

Luckin coffee
Un locale di Luckin Coffee

MILANO – Quanto ha inciso sin qui il Coronavirus sul crollo dei prezzi del caffè? Molto più di quanto non si creda, a detta degli analisti del Financial Times. Dai massimi di metà dicembre, New York ha perso oltre 40 centesimi toccando mercoledì un nuovo minimo di 97,75, per risalire lievemente nella giornata di ieri a 98,15. A conti fatti, gli arabica hanno perso quasi il 30%: più del petrolio (-17%) e del rame (-9%).

Il calo dei robusta è stato più modesto (-12,8%), ma i prezzi a Londra non erano saliti in precedenza quanto a New York. E la varietà meno pregiata registra quest’anno un consistente incremento produttivo su scala globale, che contribuisce ad arginare le tensioni speculative.

Starbucks ha dovuto chiudere più metà delle sue caffetterie cinesi e ha rinunciato a elevare la guidance, nonostante un’eccellente trimestrale, proprio a causa del prevedibile impatto negativo del virus.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.