sabato 02 Marzo 2024
  • CIMBALI M2
  • Triestespresso

Il consumo di caffè aiuta a prevenire il declino cognitivo: tutti i dettagli dello studio

"Per chiunque cerchi una scusa per bere più caffè, questo studio convalida ulteriormente ricerche precedenti che dimostrano che il caffè è utile per la cognizione mentre invecchiamo", ha spiegato a Epoch Times Heather Sandison, una dottoressa naturopata ed esperta in medicina neurocognitiva

Da leggere

Dalla Corte
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

Secondo una nuova ricerca, la trigonellina, un composto presente nel caffè e in alcune verdure, può compensare il declino cognitivo e migliorare l’apprendimento spaziale e la memoria. Leggiamo di seguito parte dell’articolo di Ayla Roberts pubblicato sul portale d’informazione Epoch Times.

I benefici del caffè sul cervello

MILANO – Lo studio, condotto dall’Università di Tsukuba in Giappone e pubblicato su GeroScience, ha cercato di scoprire dei composti naturali che potrebbero limitare il declino cognitivo legato all’età.

Triestespresso

I ricercatori hanno scoperto che la trigonellina ha migliorato significativamente l’apprendimento spaziale e la memoria nei topi anziani. È stato anche scoperto che supporta molteplici percorsi all’interno del sistema nervoso, diminuisce l’infiammazione nel cervello e aumenta i livelli dei neurotrasmettitori.

Spiegazione dei risultati dello studio

Lo studio è stato condotto per un periodo di 16 settimane somministrando a dei topi della trigonellina ogni giorno per 30 giorni, e conducendo un test del labirinto acquatico. I ricercatori hanno scoperto che i topi dimostravano un miglioramento significativo nell’apprendimento spaziale e nelle prestazioni della memoria rispetto ai topi che non avevano ricevuto trigonellina.

Repa

I ricercatori desideravano anche studiare gli effetti della trigonellina sulla materia cerebrale, nonché su specifici neurotrasmettitori nel cervello. Lo studio ha rivelato una neuroinfiammazione soppressa nel tessuto cerebrale e livelli più elevati dei neurotrasmettitori dopamina, noradrenalina e serotonina.

“Per chiunque cerchi una scusa per bere più caffè, questo studio convalida ulteriormente ricerche precedenti che dimostrano che il caffè è utile per la cognizione mentre invecchiamo”, ha spiegato a Epoch Times Heather Sandison, una dottoressa naturopata ed esperta in medicina neurocognitiva.

Per leggere la notizia completa basta cliccare qui

CIMBALI M2
  • TME Cialdy Evo
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie

  • Water and more
  • IMF
Carte Dozio
Mumac