giovedì 11 Aprile 2024
  • CIMBALI M2
  • Triestespresso

La storia del caffè a Milano: dal 1800 alla World Coffee Championship

Sebbene l’arrivo del caffè nella città sia avvenuto nel ‘600, è a partire dal 1700 che cominciano a comparire caffè intellettuali, in cui la borghesia trovò il posto ideale per discutere di tutto quello che accadeva in città, per studiare tesi sulla filosofia e per scambiare ogni sorta di opinione

Da leggere

Water and more
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

MILANO – La tradizione che lega la città al caffè è piuttosto antica e deve la sua nascita al vasto commercio che aveva con Venezia nel ‘600: fu proprio Milano una delle prime città italiane a poter scoprire il gusto dell’espresso. Ma come si è evoluta la storia del caffè a Milano? Leggiamo di seguito la prima parte dell’articolo pubblicato su La Gazzetta di Milano.

La storia del caffè a Milano

Oggi i caffè sono luoghi perfetti per vedersi con gli amici, fermarsi per una pausa dal lavoro o per scaldarsi in inverno con una bevanda calda. Ma in passato, nelle vie milanesi le persone usavano sorseggiare il caffè all’aperto, dove veniva venduto in dei carretti e per questo chiamato, in milanese, il caffè del ginoeucc, probabilmente perché i carretti erano alti fino alle ginocchia.

Triestespresso

È così che il popolo consumava caffè, non potendosi permettere di frequentare i caffè di lusso dell’alta società. La strada del caffè a Milano da questo puntoè ancora molto lunga ed è stata al centro dell’evoluzione della società milanese.

I salotti storici di Milano

Sebbene l’arrivo del caffè nella città sia avvenuto nel ‘600, è a partire dal 1700 che cominciano a comparire caffè intellettuali, in cui la borghesia trovò il posto ideale per discutere di tutto quello che accadeva in città, per studiare tesi sulla filosofia e per scambiare ogni sorta di opinione.

,Staccandosi dai caffè di lusso aristocratici e dagli ambienti più popolani delle osterie, i borghesi illuministi incentravano la loro circolazione democratica del sapere attorno al consumo di caffè, ritrovandosi abitualmente per parlare dei maggiori argomenti del momento, come i valori della ragione e lo spirito critico della società.

La cultura del ritrovo davanti a una tazzina di caffè portò la borghesia milanese a riunirsi in degli accoglienti salotti con divanetti e tavolini.

La concezione della nostra pausa caffè di oggi cominciò a diffondersi nei locali di Milano alla fine dell’800, dove borghesi e aristocratici si riunivano per sorseggiare insieme del caffè e parlare del più e del meno, per trascorrere il tempo e distinguersi dalla classe operaia, che invece beveva caffè ancora agli angoli delle strade, per il puro bisogno di scaldarsi in inverno.

Per leggere la notizia completa basta cliccare qui

CIMBALI M2
  • LF Repa
  • Dalla Corte

Ultime Notizie

  • TME Cialdy Evo
Carte Dozio
Mumac