mercoledì 01 Febbraio 2023

Bogotà, iniziato il Consiglio internazionale dell’Ico che eleggerà Fabian presidente

Da leggere

MILANO – Ieri, giovedì 6 ottobre 2022, nella cornice del centro conferenze Corferias AgroExpo, a Bogotá, si è alzato il sipario sulla 134a sessione del Consiglio internazionale del caffè: durante l’assise, che si concluderà nella giornata di oggi, è prevista la designazione di Massimiliano Fabian a presidente del Consiglio. L’evento segnerà, dopo oltre vent’anni, il ritorno di un italiano alla presidenza dell’organo di vertice dell’Ico.

Fabian, che è già stato vice presidente del Consiglio nell’annata trascorsa, è il primo presidente espressione del settore privato nella storia dell’Ico. L’ultimo italiano, prima di Fabian, a rivestire questa prestigiosa carica era stato Ferdinando Massimo, nell’annata 2000/01.

Fabian succederà all’onduregno Iván Romero-Martínez. La tornata autunnale delle riunioni dell’Ico coincide anche con l’avvio del procedimento di ratifica del nuovo accordo internazionale (Aic 2022), che segna importanti novità coinvolgendo per la prima volta, in qualità di affiliati, i rappresentanti del settore privato e della società civile.

Ancora alti e bassi sui mercati del caffè. Dopo due sedute in territorio positivo, che mercoledì avevano fatto risalire il contratto per scadenza dicembre a 224,65 centesimi, l’Ice Arabica ha chiuso ieri al ribasso di 695 punti, a 217,70 centesimi.

Sull’evoluzione negativa ha influito il rafforzarsi del dollaro. Ma anche e soprattutto il buon andamento delle precipitazioni nella cintura brasiliana del caffè.

Secondo l’Istituto nazionale di meteorologia (Inmet), la pioggia cadrà “senza tregua nelle principali aree di produzione del paese perlomeno sin all’inizio della prossima settimana”.

Circostanza, questa, che dovrebbe porre le basi per una buona fioritura del nuovo raccolto. I media locali danno però notizia di grandinate, che avrebbero colpito, in questi giorni, alcune aree del Minas Gerais meridionale.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.

Ultime Notizie