mercoledì 28 Febbraio 2024
  • CIMBALI M2

La storia di Lindbergh, il pilota che sacrificò la radio di bordo per un thermos di caffè nella 1ª transvolata in solitaria New York-Parigi

Dopo 33 ore e 30 minuti, il 21 maggio, il pilota toccava terra sulla pista dell’aeroporto di Le Bourget nelle vicinanze di Parigi. Il volo era stato compiuto alla velocità media di 188 kmh

Da leggere

Dalla Corte
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

Il venticinquenne Charles Augustus Lindbergh, un aviatore di Detroit fino ad allora quasi sconosciuto, fu il primo ad attraversare in solitaria la tratta aerea da New York a Parigi realizzata tra il 20 e il 21 maggio 1927. Dovendo ridurre al minimo i pesi a bordo dell’aeromobile, già sovraccarico di benzina, Lindbergh rinunciò alla ricetrasmittente in favore di un thermos di caffè. Leggiamo di seguito la prima parte dell’articolo di Italo Interesse pubblicata sul portale online Quotidiano di Bari.

Il ruolo nel caffè nella prima tratta in solitaria New York-Parigi

MILANO – Il National Air and Space Museum, a Washington, può vantare la più vasta raccolta di aerei e veicoli spaziali al mondo. Il pezzo più pregiato è un aeroplano monomotore ad ala alta realizzato dall’azienda statunitense Ryan Airlines verso la metà degli anni Venti e pensato per il trasporto di passeggeri e posta.

La San Marco Leva Luxury Multiboiler

Oltre a un numero di matricola (NX211), quel modello, un Ryan M-2, ha pure un nome: ‘Ryan Spirit of St. Louis’. L’omaggio a St. Louis si spiega col fatto che quella città era stata l’unica a sobbarcarsi il finanziamento di un’impresa destinata a passare alla storia: la prima transvolata in solitaria New York – Parigi (poi realizzata tra il 20 e il 21 maggio 1927).

A promuovere la temeraria iniziativa era stato il venticinquenne Charles Augustus Lindbergh, un aviatore di Detroit fino ad allora sconosciuto e nemmeno tanto esperto. Lindbergh, infatti, aveva cominciato a fare pratica sugli aerei solo cinque anni prima, peraltro in qualità di meccanico-aiutante accompagnando E.S.Bahl, che nel Nebraska sud-orientale faceva brevi voli a pagamento.

Triestespresso

Per attirare il pubblico i due passavano a bassa quota sui centri abitati con Lindbergh che “passeggiava” su un’ala del velivolo. In seguito Lindbergh fece esperienze con altri piloti esibendosi come paracadutista e acrobata sulle ali in diversi Stati in occasione di fiere e adunanze. Solo nel 1924 fu ammesso al corso di pilota dell’aviazione dell’esercito. L’anno dopo si diplomava guadagnando il grado di secondo tenente.

Divenuto istruttore di volo nell’aviazione civile e posto nella riserva in uno squadrone aereo della Guardia nazionale del Missouri dove raggiunse il grado di capitano, nell’aprile 1926 Lindbergh entrò nel servizio aereo postale statunitense.

Con appena tre anni di esperienza aviatoria, ma ambizioso, audace ed entusiasta, Lindbergh cominciò a bussare ora a questa, ora a quella impresa aeronautica perché gli venisse messo a disposizione un apparecchio con cui osare ciò che all’epoca era ritenuto tecnicamente impossibile (oltre che dall’idea della gloria, il giovane pilota era ingolosito dal premio di 25mila dollari messo in palio fin dal 1919 da Raymond Orteig, imprenditore appassionato di aerei e di voli pionieristici).

Per leggere la notizia completa basta cliccare qui

CIMBALI M2
  • LF Repa
  • Quamar
  • TME Cialdy Evo

Ultime Notizie

  • Water and more
  • IMF
Carte Dozio
Mumac