Home Caffè Wwf: “C...

Wwf: “Caffè e soia, l’aumento della produzione per i consumi abbatte le foreste”

Il futuro di queste foreste e specie grava anche sulle spalle dell’Italia visto che ogni anno consumiamo in media 6 kg di caffè a testa. L’appello del Wwf, per ridurre i nostri impatti, è quello di preferire caffè proveniente da aziende certificate, anche se al momento solo il 20% delle aziende agricole sono certificate

deforestazione
La deforestazione

MILANO – Soia e caffè cosa avranno mai in comune? Il loro impatto devastante sull’ambiente circostante: queste due colture infatti accelerano il processo di deforestazione. Produrle causa ben l’80% di questo fenomeno a livello mondiale per tentare di soddisfare le abitudini di consumo dei Paesi occidentali. Per esempio, in Europa l’incidenza di questo trend è del 10%. A dirlo sono i dati raccolti del report Wwf “Quanta foresta avete mangiato, usato o indossato oggi?”. Riportiamo alcune evidenze dal sito it.finance.yahoo.com.

Deforestazione, caffè e biodiversità, consumi e impatti sulla biodiversità

Nel mondo, spiega il Wwf, si bevono circa 2,5 miliardi di tazze di caffè al giorno e l’Italia è il paese simbolo di questo rito quotidiano. L’Europa (che rappresenta il 33% del consumo globale di caffè) è il più grande mercato del caffè al mondo. Il fatto che nei prossimi decenni la produzione di caffè potrebbe diventare un driver sempre più importante di deforestazione è dovuto all’aumento della domanda e al crescente impatto dei cambiamenti climatici: la produzione di caffè dovrà triplicare entro il 2050 per soddisfare la richiesta globale, ma ancora oggi il 60% dell’area idonea a coltivare caffè è coperta da foreste.

Infatti, se un tempo il caffè si coltivava ai margini degli ambienti forestali, oggi si abbattono alberi per produrre, in enormi aree esposte al sole, i preziosi chicchi. Tutto questo avrà gravi conseguenze per specie già a rischio estinzione, come la tigre di Sumatra: l’Indonesia, dove vive questa specie, è infatti uno dei maggiori esportatori di caffè (insieme a Messico, Colombia, Vietnam e Brasile). Inoltre, a causa del cambiamento climatico, il 50% delle aree coltivate a caffè saranno inadatte alla produzione entro il 2050 spingendo le coltivazioni verso altitudini più elevate, minacciando la scomparsa di foreste preziose.

Il futuro di queste foreste e specie grava anche sulle spalle dell’Italia: “Preferire il caffè da aziende certificate”

Visto che ogni anno consumiamo in media 6 kg di caffè a testa. L’appello del Wwf, per ridurre i nostri impatti, è quello di preferire caffè proveniente da aziende certificate, anche se al momento soltanto il 20 per cento delle aziende agricole sono certificate.