domenica 25 Febbraio 2024
  • CIMBALI M2
[adning id="267609"]

Studio Confcommercio: dal 2012 sono in crescita alberghi, i bar e i ristoranti (+10.275)

La confederazione: "Rimane fondamentale l'omnicanalità, cioè l'utilizzo anche del canale online che ha avuto una crescita esponenziale negli ultimi anni, con le vendite passate da 16,6 miliardi nel 2015 a 48,1 miliardi nel 2022"

Da leggere

Dalla Corte
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

Nel periodo che va tra il 2012 e il 2022 sono in crescita alberghi, bar e ristoranti. Questo è ciò che emerge da uno studio di Confcommercio sulla demografia di impresa nelle città italiane dal 2012. Notevole  anche il cambiamento del commercio all’interno dei centri storici “con sempre meno negozi di beni tradizionali” (libri e giocattoli -31,5%, mobili e ferramenta -30,5%, abbigliamento -21,8%) e “sempre più servizi e tecnologia” (farmacie +12,6%, computer e telefonia +10,8%), attività di alloggio (+43,3%) e ristorazione (+4%). Leggiamo di seguito la prima parte dell’articolo pubblicato sul portale dell’Ansa.

Lo studio Confcommercio

MILANO – Tra il 2012 e il 2022 sono sparite, complessivamente, oltre 99mila attività di commercio al dettaglio e 16mila imprese di commercio ambulante mentre sono in crescita alberghi, bar e ristoranti (+10.275). Nello stesso periodo aumenta la presenza straniera nel commercio, sia come numero di imprese (+44mila), sia come occupati (+107mila) e si riducono le attività e gli occupati italiani (rispettivamente -138mila e -148mila).

La San Marco Leva Luxury Multiboiler

E’ quanto emerge da uno studio di Confcommercio sulla demografia di impresa nelle città italiane dal 2012.

Cambia anche il tessuto commerciale all’interno dei centri storici “con sempre meno negozi di beni tradizionali” (libri e giocattoli -31,5%, mobili e ferramenta -30,5%, abbigliamento -21,8%) e “sempre più servizi e tecnologia” (farmacie +12,6%, computer e telefonia +10,8%), attività di alloggio (+43,3%) e ristorazione (+4%).

Triestespresso

“La modificazione e la riduzione dei livelli di servizio offerto dai negozi in sede fissa confina con il rischio di desertificazione commerciale delle nostre città dove, negli ultimi 10 anni, la densità commerciale è passata da 9 a 7,3 negozi per mille abitanti (un calo di quasi il 20%)”, sottolinea Confcommercio nella sua analisi, concentrata su 120 città medio-grandi.

“Per evitare gli effetti più gravi” di questo fenomeno, per il “commercio di prossimità non c’è altra strada che puntare su efficienza e produttività anche attraverso una maggiore innovazione e una ridefinizione dell’offerta“, sottolinea Confcommercio. “Rimane fondamentale l’omnicanalità, cioè l’utilizzo anche del canale online che ha avuto una crescita esponenziale negli ultimi anni, con le vendite passate da 16,6 miliardi nel 2015 a 48,1 miliardi nel 2022”, aggiunge la confederazione.

Per leggere la notizia completa basta cliccare qui

FONTEansa.it
CIMBALI M2
  • LF Repa
  • Quamar
  • TME Cialdy Evo

Ultime Notizie

  • Water and more
  • IMF
Carte Dozio
Mumac