Home Analisi di mercato Come nascono ...

Come nascono i benefici del caffè? Molti di essi dipendono dalla tostatura

benefici caffè
Le proprietà antiradicali liberi del caffè al centro di uno studio della Monash University

MILANO — I benefici del caffè? Dipendono dalla tostatura. un nuovo studio scientifico suggerisce che il caffè ha un ruolo nella stabilizzazione dei radicali liberi. Dette proprietà sono state oggetto di una ricerca della Monash University di Melbourne (Australia), che si è avvalsa della partnership di Illycaffè e che è stata pubblicata su PLoS. La ricerca ha monitorato il comportamento di radicali liberi e antiossidanti in tutto il processo che dal seme arriva al prodotto torrefatto, mediante l’uso della risonanza paramagnetica elettronica.

Ne parla Riccardo Quintili, in un contributo scritto per Il Salvagente, di cui riportiamo i passaggi salienti.

I ricercatori hanno scoperto che, in determinate condizioni, il caffè può stabilizzare i radicali liberi, aiutando a evitare molti dei loro potenziali rischi per la salute.

L’importanza della tostatura

“Secondo un recente studio dell’università polacca di Lodz una tostatura meno stressante permette al caffè di mantenere intatte le proprie caratteristiche sensoriali. E, allo stesso tempo, non degrada i Pufa, gli acidi grassi polinsaturi importanti per la salute delle membrane cellulari di tutto l’organismo. Che, al contrario, in una tostatura ad alte temperature e per un tempo molto lungo sono fortemente danneggiati”. Così Alberto Ritieni, professore di Chimica degli alimenti all’Università degli studi di Napoli Federico II .

I benefici degli Omega 3

Tra gli acidi polinsaturi del caffè anche quelli della famiglia degli Omega 3 i cui benefici sono noti da tempo. Ideali per un buon funzionamento del cervello, buoni per rafforzare il sistema immunitario e ottimi soprattutto per scongiurare problemi cardiaci.https://www.comunicaffe.com/tag/omega-3/

È bene sottolineare che la presenza degli acidi polinsaturi, considerati un plus salutistico, può variare in funzione della tostatura del caffè.

Per questo è importante che  i test di laboratorio valutino il rapporto tra acido linoleico e acido linolenico, entrambi grassi insaturi.

In particolare, l’acido linoleico è il capostipite degli acidi grassi della serie Omega-6, mentre a partire dall’acido alfa-linolenico si ottengono gli analoghi della serie Omega-3.