sabato 25 Maggio 2024
  • CIMBALI M2

Tiramisù: ecco come consigliano di prepararlo a casa, degli chef affermati

Anche se di varianti ce ne sono tante (da quello con il pistacchio a quello con la Nutella, passando per tè verde e fragola), il più apprezzato rimane sempre quello classico. Che però ammette poche reinterpretazioni. Va fatto secondo tradizione

Da leggere

  • Dalla Corte
  • TME Cialdy Evo
Water and more
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

MILANO – Da pochi giorni abbiamo festeggiato la giornata internazionale del tiramisù, ma, per essere sinceri fino in fondo, non serve una data precisa per mangiare uno dei dolci più amati in Italia e nel mondo. Ma quanti lo sanno fare nella maniera corretta? Leggiamo qual è la ricetta originale dall’articolo di Tommaso Galli su corriere.it.

Tiramisù: cosa dicono gli esperti

Gli ingredienti sono pochi. E per questo devono essere di assoluta qualità. La ricetta classica, tutelata e preservata dall’Accademia del tiramisù, prevede: savoiardi, mascarpone, tuorli d’uovo, zucchero, caffè e cacao amaro. Non ci sono grandi segreti, quindi, per preparare uno dei dolci più amati degli italiani. Un amore, quello per il tiramisù, sempre in crescita. Per celebrare il Tiramisù Day che ricorre il 21 marzo, Just Eat ha infatti analizzato l’andamento degli ordini di questo dessert nell’ultimo anno, registrando oltre 22.000 kg di tiramisù recapitati a domicilio.

E anche se di varianti ce ne sono tante (da quello con il pistacchio a quello con la Nutella, passando per tè verde e fragola), il più apprezzato rimane sempre quello classico. Che però ammette poche reinterpretazioni. Va fatto secondo tradizione.

C’è chi però cerca qualche scorciatoia anche nella preparazione del tiramisù

Piccoli trucchi per velocizzare le tempistiche, se vogliamo, capaci però di cambiare gli equilibri di un dolce classico. Come quello di optare per un caffè solubile: scorciatoia agghiacciante per i puristi. Ed è stata proprio Nigella Lawson a consigliare in una sua ricetta questa variante. Probabilmente la maggior parte degli inglesi non saranno dotati della classica moka, vero. Ma il gusto unico e inteso del caffè appena fatto è insostituibile. Anche per un tiramisù. Ma non è l’unica a inciampare sulla ricetta classica.Anche la regina del food americano, Martha Stewart, è caduta sul tiramisù.

La Stewart aggiunge infatti della panna montata alla crema di mascarpone

Altra eresia, sempre per i puristi. La cremosità infatti è data solo da come si sbattono le uova con lo zucchero e sul modo in cui si aggiunge il mascarpone. Insomma, la panna non serve. Meglio tenerla a distanza. Certo, però, sbagliare può capitare. A quanti è successo di assaggiare tiramisù annacquati, nauseanti perché troppo dolci o, peggio ancora, sodi come una mattonella? L’errore, in effetti, è dietro l’angolo e la difficoltà della ricetta non è da sottovalutare.

CIMBALI M2
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie

Carte Dozio