Home Caffè Torrefattori Carte Noire, ...

Carte Noire, Lavazza: boom delle vendite in Francia durante il lockdown, con un +44% in Gdo

Carte Noire
Un fotogramma dell'intervista di Maurizio Cozzolino (direttore generale di Carte Noire) al canale francese Bfmtv

MILANO – Il lockdown non ha tolto ai francesi la voglia e il piacere di concedersi un buon caffè, le vendite sono anzi aumentate in modo consistente: +24% in Gdo e addirittura +44%, durante il mese di marzo, per Carte Noire, marca numero uno nel dettaglio d’oltralpe, appartenente a Lavazza. Come ha spiegato Maurizio Cozzolino, direttore generale di Carte Noire, in un’intervista al canale televisivo Bfmtv, i consumi di caffè non hanno risentito del confinamento, anche se la pandemia ha ovviamente portato a uno shift dal fuori casa al canale domestico.

È interessante osservare in particolare – studi di mercato alla mano – che le abitudini si sono mantenute. E i momenti di consumo tradizionali nel corso della giornata lavorativa– in particolare il caffè dopo pranzato e la pausa caffè di metà pomeriggio – sono rimasti anche in smart working tra le mura di casa.

Come è stata gestita la supply chain da parte di Carte Noire durante il lockdown?

Non abbiamo avuto alcuna interruzione della catena di approvvigionamento e siamo stati in grado di garantire sempre regolarmente la produzione. E ciò principalmente in virtù di tre fattori, sottolinea Cozzolino.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.