Home Bar Caffetteria Cappuccino Latte Art Carnevale a c...

Carnevale a colpi di Latte Art a Viareggio, dove la barista decora le tazze con i carri delle sfilate

carnevale

VIAREGGIO – La Latte Art è un’espressione di colori e figure che conciano a festa la crema dei cappuccini in tutto il mondo. Quindi, quale tecnica poteva rappresentare meglio il clima di festa che si respira durante il Carnevale? A Viareggio, una barista con una grande manualità, ha deciso di portare i carri festivi della sua città direttamente sulla crema servita ai tavoli. Simone Pierotti ce ne parla su m.iltirreno.gelocal.it.

Carnevale: ogni cappuccio vale

«Me lo faresti un cappuccino con il carro del Galli disegnato sulla schiuma?». Letta così, sembra la più assurda delle richieste che un cliente potrebbe rivolgere al barista. Tutto vero, invece. Mettici anche una foto condivisa su Facebook ed ecco che Eleonora Ceragioli, titolare del New Bar Vittoria sul viale Colombo a Lido di Camaiore, è diventata famosa fra i carnevalari per le sue decorazioni dei cappuccini con i vari carri in concorso.

Un’idea nata per scherzo

Che però sta regalando un’inattesa popolarità a questa ragazza di 29 anni con la passione per il disegno. «Tutto è nato da Francesco, un cliente abituale che si diverte ogni tanto a mettermi alla prova con una decorazione sempre diversa. – racconta Eleonora dopo aver appena disegnato la balena di Roberto Vannucci.

MAGAZZINI DEL CAFFE’
HOST

– una sera mi ha mandato un messaggio: ‘Sfida della settimana: il carro del Galli’. Il giorno seguente l’ho accontentato. Ed è rimasto così contento che ha divulgato la foto della mia creazione».

Ma come nasce un disegno sul cappuccino?

«La base è la montatura del latte – racconta – la schiuma deve rimanere solida e consistente per qualche minuto, giusto il tempo di realizzare la decorazione e farla vedere. Questa tecnica si chiama etching e per ‘colorare’ i disegni uso i topping ai vari gusti che vanno anche sui gelati».

E mentre chiacchiera con noi, nel bar gestito assieme a papà Angelo e mamma Michela entra una coppia di signori

«Ci hanno girato le foto, siamo venuti apposta: vorremmo vedere il carro di Avanzini». Detto, fatto: in pochi minuti sulla schiuma di una tazzona appare la costruzione dedicata a Medea, immortalata passo per passo dagli increduli clienti.

Ma sì, anche questa è una forma d’arte: «Le decorazioni con i carri sono solo a scopo estetico, per esigenze di spazio uso delle tazze più grosse e sotto la schiuma c’è solo acqua: non voglio sprecare il latte. Comunque, piano piano li farò tutti». —