Home Affari & Mercati «Borbone rich...

«Borbone richiama l’attenzione della Pepsi», Italmobiliare corre alla Borsa di Milano, la smentita

Al momento Italmobiliare non ha avviato alcun processo competitivo sull'asset, che però secondo indiscrezioni è finito nei radar del colosso americano PepsiCo, che ha archiviato il 2020 con un giro d'affari di oltre 70 miliardi di dollari

Caffè Borbone Massimo Renda
Massimo Renda, Presidente esecutivo e fondatore di Caffè Borbone.

MILANO – Il successo di Italmobiliare e Caffè Borbone anche in un momento estremamente critico come quello segnato dalla pandemia Covid-19 e dal cambio dei consumi, non poteva passare a lungo inosservato. Soprattutto sembra aver attirato, secondo ciò che riportano gli ambienti finanziari milanesi, ripresi con dettagli dal quotidiano economico Milano Finanza, l’attenzione dei big mondiali del settore food&beverage.

Tutto questo grazie al bilancio più che positivo segnato dall’azienda campana nel 2020 che è posseduta al 60% da Italmobiliare e al 40% da Massimo Renda, il fondatore e attuale presidente esecutivo di Caffè Borbone.

Al punto che un colosso americano come PepsiCo, avrebbe posato i suoi occhi sul brand italiano. Ne ha riferito Andrea Montanari in un articolo pubblicato su Milano Finanza. Che ha ripreso voci diffuse nella comunità finanziaria milanese.

Subito interpellata in proposito Italmobiliare ha tuttavia immediatamente smentito qualsiasi trattativa tra le due imprese. Ma la Borsa di Milano ci ha creduto perché il titolo Italmobiliare, come leggete in dettaglio sotto, è volato del 3,99%.

 

Caffè Borbone sotto la lente di PepsiCo

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.