Home Dati Brasile, le a...

Brasile, le aree del caffè sono pari all’intera superficie dell’Emilia Romagna

produzione mondiale record prezzi Vista dall'alto di una fazenda brasiliana
Vista dall'alto di una fazenda brasiliana

MILANO – L’astrattezza delle statistiche può far perdere di vista i riferimenti concreti. Nell’analisi di venerdì sulla stima ufficiale Conab, ad esempio, vi abbiamo detto che le superfici coltivate a caffè in Brasile sfiorano i 2,2 milioni di ettari.

Il totale delle aree (produttive e in formazione) è pari per l’esattezza a 2.168.600 ha. Ma quali sono le proporzioni

Con una semplice operazione aritmetica di conversione possiamo ottenere il dato in chilometri quadrati: 21.686 km2.

A titolo di raffronto, la superficie dell’Emilia Romagna, sesta regione italiana per estensione è di poco superiore, con un territorio di 22.452 km2.

È interessante osservare che nei primi anni duemila le piantagioni brasiliane si estendevano su oltre 2,5 milioni di ettari.

Nello stesso arco temporale, la produzione nelle annate positive del ciclo biennale è passata da meno di 40 milioni di sacchi ai 58 previsti quest’anno.

Nel solo Minas Gerais, l’area coltivata a caffè supera gli 1,22 milioni; 12.200 km2: molto più di una regione italiana di medie dimensioni come l’Abruzzo o la Basilicata.

Se fosse un paese indipendente, il Minas Gerais sarebbe anche il massimo paese produttore mondiale di caffè, con un raccolto che Conab stima quest’anno in quasi 30,7 milioni di sacchi.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.