Home Bar Caffetteria Art & Ca...

Art & Caffeine Faema, un successo decretato da almeno 30.000 visitatori

CONDIVIDI
faema art caffeine

MILANO – L’evento Micro Coffee Roasters Officine di Torrefazione che si terrà per tutta la giornata di oggi, mercoledì 12 aprile, nello spazio Faema di Via Ventura 3, proprio dove sorgeva la prima sede della Faema, conclude questa sera gli eventi pubblici che erano iniziate lo scorso 22 marzo sotto l’insegna di Art & Caffeine Faema.

art & caffeine faema
Il logo della manifestazione

Manca soltanto la finalissima della TNT, la Thursday Night Throwdown competition, che si terrà nel pomeriggio di domani, giovedì 13 aprile, dalle ore 17.30.

faema tnt latte art
La squadra Cinelli

Sono stati giorni intensi: la storica sede Faema ha aperto le porte a un mix di design, musica e fotografia che sta accompagnando baristi, coffee roasters e coffee lovers in un’esperienza immersiva nell’arte del caffè.

Dalla Corte
Water + more

Numerosi gli eventi in programma: dai roasters days alla scoperta del mondo degli specialty coffee alle latte art competition fino alle degustazioni di caffè e di cocktail a base di caffè durante la settimana del Fuorisalone con migliaia di presenze, almeno 30 mila persone.

Sull’idea Art & Caffeine e per un primo bilancio alla vigilia della finale del concorso Faema abbiamo sentito Simona Colombo, Group Marketing and Communication Director di Gruppo Cimbali che lo scorso 22 marzo aveva presentato in dettaglio la manifestazione nel corso dell’inaugurazione.

Come è nata l’dea di Art & Caffeine che si è rivelata un grande successo?

“Siamo tornati in Via Ventura dopo 25 anni in uno spazio che è cambiato, come è cambiato il mondo del caffè nell’ultimo periodo. Abbiamo avuto l’opportunità, insieme alla nostra filiale di Milano e alla Mumac Academy, di affittare uno spazio per un mese e di animarlo con la cultura del caffè attraverso il marchio Faema. Questa è stata la genesi del progetto. Abbiamo pensato di non farlo da soli, come marchio, ma di procedere insieme ad una serie di amici e di rappresentati del mondo del caffè. Insieme a noi, dal 22 marzo al 13 aprile, ci sono state His Majesty the coffee, la Torrefazione Hoeidah, Seven Grams con Chiara Bergonzi, e tante altre realtà del settore. Abbiamo aperto al pubblico la grande festa insieme a Cinelli, marchio mitico di biciclette urbane e non solo, durante il Fuorisalone del mobile. È stato un grande ritrovo animato da una festa con Fabio Perugini che ha preparato dei cocktail specifici, nati per noi. È stato un momento di grande incontro con la presenza di almeno 500 persone, oltre a quelle che sono passate a trovarci. Tra gli altri sono venuti i figli di chi aveva lavorato nella fabbrica di Via Ventura. È stato un incontro straordinario. Abbiamo anche rivestito la nostra Ape car del Mumac come Ape car Art & Caffeine E71. Su tutto la Faema E71, la macchina protagonista con la quale abbiamo svolto tutte le iniziative in programma”.

faema tnt latte art
Un momento delle selezioni della TNT, la sfida di Latte art

Qualche dato?

“Tutte le giornate sono state straordinarie. Ma quelle di Espresso e non solo, il 6 e 7 aprile, con Davide Roveto, sono state una grande novità. Questo perché la manifestazione si è misurata con il Fuorisalone che ha portato nella zona di Via Ventura oltre 150.000 persone. Non abbiamo ancora tutti i dati, ma nei giorni del Fuorisalone c’è stato un vero e proprio assalto alla sede di Art & Caffeine e ci siamo dovuti organizzare con dei buttafuori. C’era la coda dentro e fuori, davanti all’Apecar. Davide è stato eccezionale nel raccontare il caffè in tutte le sue forme. Tra l’altro Roveto usa nel suo bar di Bari una Faema E71 e quindi ha raccontato a 360 gradi l’anima di Art & Caffeine”.

faema art
La bicicletta Faema in una delle vetrine di Art & Caffeine

Il caffè ha dimostrato di essere un argomento forte, di interessare molto anche al di fuori della cerchia degli addetti ai lavori.

“Il caffè interessa moltissimo perché da tantissimi anni si raccontano attorno alla tazzina molte storie. Noi abbiamo voluto raccontare ancora più storie e non soltanto. Per esempio abbiamo stampato 40 mila cartoline che danno due piccoli suggerimenti come deve essere un buon caffè. Il primo suggerimento è quello di guardare, di osservare che la tessitura sia buona che il colore sia corretto. Il secondo consiglio è quello di gustare la bevanda per sentire quali siano gli aromi che sono tipici del buon espresso. Il caffè lo abbiamo fatto assaggiare. Nei primi giorni c’era lo zucchero, poi lo abbiamo tolto perché abbiamo capito che i consumatori sono pronti a farlo quando non soltanto si parla di ottimo caffè ma lo si può assaggiare. Il 14 aprile quando le porte si saranno chiuse, nello spazio di Via Ventura saranno passate per lo meno 30.000 persone”.

faema tnt latte art
Un concorrente impegnato nelle selezioni della Latte Art

Art & Caffeine Faema avrà un seguito?

“Sì, e sentirete parlare moltissimo del progetto Art & caffeine Faema non soltanto in Italia ma anche all’estero. Ora dobbiamo terminare il programma. Poi ci siamo presi alcuni giorni per concentrarci in vista della partenza per Seattle (per l’Expo Sca dal 20 al 23 aprile; n.d.r.) che è una città importantissima per il caffè. E poi vi racconteremo che cosa succederà con Art & Caffeine. Ma anticipo che continueremo”.

Il manifesto della sfida delle Latte Art, qualificazioni e finale

Con Via Ventura il Gruppo Cimbali ha ora un terzo luogo, dopo il Mumac e l’Hangar 100, per definire la sua identità.

“Il Gruppo Cimbali ha la sua sede a Binasco che è un grande cuore pulsante. Dal Museo delle Macchine per il caffè che ospita nella sua struttura anche l’Accademia e l’Hangar 100, noi raccontiamo i nostri marchi La Cimbali e Faema. Non dimentichiamo che il Gruppo ha 9 filiali, tra le quali due in Italia. La prima è a Roma mentre quella di Milano è appena stata rinnovata a fondo. Le altre 7 filiali sono all’estero. Quindi abbiamo molti cuori. Ovviamente Via Ventura per la Faema resterà sempre un luogo mistico. E il successo di queste settimane lo conferma”.

Come tutte le cose belle anche l’evento di Via Ventura finisce e in chiusura, domani giovedì 13 aprile, ci sarà la finale del concorso di Latte Art con un premio regale per il vincitore. Lo chiediamo a Silvia Ruggiero, Senior Brand Specialist Gupppo Cimbali, che si è occupata dell’organizzazione.

feama tnt la giuria
La giuria: in primo piano a sinistra Matteo Beluffi, campione italiano in carica di Latte Art

Spiega Silvia Ruggiero: “La competizione arriva dopo la selezione del 30 marzo quando sono stati scelti i partecipanti alla gara di giovedì. Questi baristi verranno valutati da una giuria composta da Matteo Beluffi che è il campione in carica di Latte Art, da Filippo Mazzoni che è il responsabile del Training Center della Mumac Academy e dalla sottoscritta. La sfida sarà a colpi di cappuccini decorati. I finalisti avranno tre soggetti di latte art da portare a termine per provare ad aggiudicarsi la Faema E61 Legend a due gruppi che è in palio per il vincitore. Si comincerà alle 17.30 e aspettiamo anche tutti gli appassionati di Faema, della Latte Art e del caffè in generale per questa serata che sarà sicuramente da ricordare. Per il vincitore soprattutto ma anche per i partecipanti e tutti noi. Rammento che oltre al vincitore e al secondo e terzo classificato che riceveranno una targa premio, tutti i partecipanti della Faema TNT avranno la possibilità di trascorrere una giornata di formazione alla Mumac Academy nei prossimi mesi. Ricordo anche che il partner della manifestazione è stata Granarolo che ci ha fornito il latte per tutto il periodo di apertura e in particolare le due giornate di gare”.

E dopo la premiazione?

“Ci sarà una grande festa con Dj set quindi musica e Fabio Perugini che torna con noi per offrire il Coffee in Good Spirits, quindi cocktail a base espresso con spirits. Tutto sarà seguito dalle dirette su Facebook e su tutti i social media di Gruppo Cimbali quindi anche Instagram e Twitter”.

faema calendario eventi
Il programma completo di Art & Caffeine Faema

Ma un bel premio se l’è aggiudicato Gruppo Cimbali con l’afflusso di tante persone.

Riprende Simona Colombo: “Sono arrivati tantissimi clienti ma anche molte persone che ci hanno fatto domande sul caffè e alle quali abbiamo potuto offrire un’esperienza unica intorno all’espresso. I numeri sono straordinari perché se guardo gli analytics, le visite sui nostri siti social, noto abbiamo aumentato a doppia cifra. Del risultato è naturalmente soddisfatta la filiale di Milano. Che ha collaborato alla riuscita assieme a tante altre realtà interne di Gruppo Cimbali perché non si realizza un progetto così se non si lavora con grande passione tutti insieme. E adesso tutte le altre filiali sono molto interessate. Ovviamente avere a che fare con più di 30.000 persone in un luogo con vetrine aperte a tutti ha portato ad un dialogo straordinario. Ed anche la rassegna stampa che sta scaturendo dal progetto è importante, mai vista prima. Per questo ringraziamo tutti i presenti dal 22 marzo in poi, nessuno escluso”.

faema tnt latte art
Uno dei protagonisti delle selezioni alle prese con la suo opera di Latte Art