venerdì 24 Maggio 2024
  • CIMBALI M2

Anche un rapper pro Putin nella cordata che rileverà le attività di Starbucks in Russia

Da leggere

  • Dalla Corte
  • TME Cialdy Evo
Water and more
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

MILANO – Una cordata atipica rileverà le attività di Starbucks in Russia. Ne dà notizia il sito locale di Forbes. A guidarla, Anton Pinskiy, un imprenditore del settore della ristorazione. A confermarlo lo stesso Pinskiy, che non ha però rivelato i dettagli economici dell’operazione. Lo affiancheranno Sindika holding company, società che fa capo al senatore Arsen Kanokov, e Timati, popolare rapper e imprenditore attivo, oltre che nell’industria discografica, anche nei settori dell’abbigliamento e della ristorazione veloce.

Timati – al secolo Timur Yunusov – è un sostenitore di lunga data del presidente russo, al quale ha anche dedicato, nel 2015, un pezzo intitolato “Il presidente Putin è il mio migliore amico”.

Triestespresso

Presente in Russia dal 2007, Starbucks ha 130 locali gestiti in licenza da Alshaya Group, società che ha sede in Kuwait.

Circa 2 mila i dipendenti. Il colosso americano ha reso nota la sua intenzione di uscire dal mercato russo nel maggio scorso, a una settimana di distanza da un analogo annuncio dato da McDonald’s.

Ma aveva sospeso tutte le attività e chiuso temporaneamente i punti vendita già a marzo, continuando comunque a pagare i dipendenti.

Non è ancora chiaro se i locali acquisiti dalla cordata continueranno a funzionare come caffetterie, anche se è questa la prospettiva che appare più probabile.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.

CIMBALI M2
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie

Carte Dozio