Home Caffè Torrefattori Ecco le torre...

Ecco le torrefazioni italiane di eccellenza secondo De’Longhi e SlowFood

torrefazioni italiane
Chicchi di caffè torrefatto

MILANO – De’Longhi ha recentemente lanciato una guida dedicata a “L’eccellenza delle torrefazioni italiane”. Il Progetto – condotto con l’aiuto di Gabriella Baiguera, coordinatrice e formatrice dei Master of Food di Slow Food Italia – ha portato alla selezione di 60 torrefazioni (alcune delle quali con caffè di Presidio SlowFood), che offrono chicchi di altissimo pregio, attentamente selezionati e tostati con criteri artigianali.

Ecco una panoramica delle cinque torrefazioni italiane ritenute più interessanti per la qualità dei prodotti e l’originalità del loro approccio.

Agust – Brescia

La torrefazione Agust nasce a Brescia nel 1956 come piccolo laboratorio artigianale per volontà di Augusto Corsini. Nel 1981, il figlio Marco, attuale titolare, inizia ad affiancare il padre e, dal 2010, è a sua volta supportato dal figlio Giovanni. La missione di Agust, interprete di una filosofia green, è quella di diffondere la cultura del buon caffè basandosi su alcuni valori guida come l’equità, la correttezza e la sostenibilità ambientale. Tra le certificazioni ottenute: Fairtrade, Impatto Zero e Biologico Ue.

FOODNESS
CARTE DOZIO

Diverse le miscele proposte, in grado di soddisfare i molteplici gusti degli estimatori del caffè. Cremoso, Elegante, Gentile, Equo, Deca: ogni caffè ha un animo diverso, un aroma tutto da scoprire. In particolare, il caffè Gentile è una miscela in grani 100% arabica, provenienti dal Brasile, El Salvador, Costarica e Guatemala. Dunque varietà morbide, quasi neutre unite a caffè d’altura, pregiati e profumati. Si accompagna bene alla crème brûlé o a mini krapfen alla crema pasticcera.

Torrefazione Lady Caffè – San Secondo Parmense

Torrefazione Lady Cafè è un laboratorio artigiano in cui si tosta il caffè con il metodo a fiamma diretta; metodo che esalta gli aromi e le caratteristiche essenziali. Il metodo a torcia consente al frutto crudo di ricevere una tostatura diretta dalla fiamma, veloce e a bassa temperatura, esaltandone gli aromi e le caratteristiche essenziali.

I chicchi di qualità arabica, lavati e monorigine, provengono dalle terre alte di Guatemala, Messico, Brasile, India, Venezuela, Costa Rica, Panama, Haiti.

Massimo Bonini e Nicoletta Montini sono due giovani competenti e appassionati. Da poco hanno trasferito la sede della Torrefazione in una antica cascina nella campagna di San Secondo, in provincia di Parma, dove si trova una sala degustazione e punto vendita ed è possibile degustare caffè con metodi di estrazione differenti.

Oltre al caffè, la torrefazione produce creme spalmabili, nocciole e cioccolatini ovviamente al gusto di caffè; produce inoltre oggetti per la tavola e regalo realizzati con i sacchi di iuta, ed ultima novità, l’introduzione della linea VerdeCaffè, una selezione di tisane drenanti al caffè verde e prodotti per il corpo.
Torrefazione Neroro_Linkiesta

Neroro Caffè – Melfi

Ricercatore e divulgatore per indole e per passione, Francesco Di Bernardo mette puntigliosa cura nel trattare i sacchi di caffè crudo immagazzinandoli in un luogo protetto da sbalzi di calore e umidità; tosta separatamente ogni singola provenienza, ognuna con il profilo di tostatura più adatto. E poi miscela i caffè affinati, bilanciando con maestria le note di gusto.

La miscela più richiesta è composta di Arabica e Robusta, l’una al sessanta e l’altra al quaranta per cento. Contiene monorigini di pregio come gli Arabica Etiopia Sidamo e Costa Rica, sottoposti a fermentazione prima dell’essiccazione, un passaggio di lavorazione che rende il caffè in tazza ricco di profumo e persistenza. La buona percentuale di Robusta provvede ad aggiungere corpo e sentori di cacao.

Torrefazione Neroro, in provincia di Potenza, propone la miscela 24 Carati, tostatura medio scura, molto uniforme, chicchi ben affinati, buon equilibrio, retrogusto molto persistente. Tra gli abbinamenti: tortelli dolci ripieni di amaretti e marmellata o una charlotte di noci.
Torrefazione Caroma_Linkiesta

Torrefazione Caroma – Fiè allo Scillar

Degustazioni, corsi di formazione per baristi e lunghe chiacchierate sui metodi produttivi del caffè. Sono le proposte della Torrefazione Caroma, ai piedi dello Schilar, in Trentino Alto Adige, che oltre a tostare i chicchi, apre le porte del suo laboratorio al pubblico. Valentin Hofer è il primo maestro torrefattore italiano che può fregiarsi dei titoli di “Esperto del caffè” (Qualified Coffee Expert) e “Sommelier del caffè” (Chief Coffee Sommelier). Si tratta di qualifiche specialistiche riconosciute dalla Camera di Commercio Europea a Bruxelles.

L’azienda trasforma solo chicchi coltivati in altopiano di qualità esclusiva, che soddisfano le particolari esigenze della torrefazione e dei clienti. Particolare valore è dato alla tracciabilità del caffè crudo, e si lavorano soltanto chicchi da fincas selezionate e controllate.

Una curiosità ulteriore per giustificare una visita è il Caroma Coffeeseum: gli amanti del caffè sono infatti invitati ad esplorare i suoi 800 metri quadri di spazio espositivo per scoprire tutto ciò che c’è da sapere sul tema.
Torrefazione Rinaldi_Linkiesta

Torrefazione Caffè Rinaldi – Ciampino

I caffè di Fabrizio Rinaldi sono tracciati e di qualità. In questa azienda, che si trova poco fuori dal raccordo anulare di Roma, non si tratta tanto di scegliere la migliore tra le origini disponibili, quanto di compiere un giro del mondo della degustazione, assaggiando tutte le varietà, una ad una, quasi come in una lezione didattica sul caffè. Oltre le singole origini la torrefazione offre due miscele, esclusive e frutto di un lavoro di continua ricerca e rinnovamento.

Sorprendono le alte note aromatiche ed il gusto pieno di Miscela Unica. Risultato di un’accurata selezione di assaggi, in Unica 100% Arabica i caffè di Brasile e India regnano sovrani, insieme ad un quartetto di grani eccezionali provenienti dal El Salvador, Guatemala, Etiopia e Tanzania. Da bere senza zucchero, per cogliere al meglio le sue qualità.

Per Miscela Classica, Fabrizio ha composto un’accurata selezione dei migliori caffè monorigine. Risulta un caffè le cui note dolci e aromatiche di Arabica provenienti dal Centro e Sud America e dall’ Etiopia si mescolano con origini di Robusta d’India e d’Africa di gran qualità.